Connettiti con noi

Lavagna Tattica

LAVAGNA TATTICA – Senza Bernardeschi, ci si affida a Rabiot?

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Con l’infortunio di Bernardeschi, Rabiot dovrebbe essere il titolare della Juve nelle prossime partite. Il francese si deve risollevare dopo le ultime prestazioni

 

Se ci sono ancora incertezze sullo stato fisico di Dybala, è invece sicuro che la Juve debba fare a meno di Bernardeschi nelle prossime uscite. Quando impiegato, l’ex Fiorentina era utilizzato nello stesso modo da Allegri: esterno sinistro nel 4-4-2 senza palla, mezzala nel 3-5-1-1 con cui la Juve si schiera in fase di possesso (Alex Sandro si alza per dare ampiezza). Senza Bernardeschi, Allegri potrebbe essere quindi costretto a schierare Rabiot in quest’ibrido esterno/mezzala. Non si fida ancora nel giocare con un 4-4-2 con due esterni puri con magari Chiesa a sinistra. Ci si dovrebbe quindi affidare a un Rabiot molto contestato nelle ultime partite, reduce da pessime gare. Contro la Fiorentina, Allegri lo aveva messo in campo per essenzialmente due motivi: per risalire il campo – contro l’aggressività del pressing viola – alzando la palla su di lui e sfruttare il suo atletismo in spazi larghi.

Alla luce della linea molto alta della Fiorentina, Allegri sperava che le sue condizioni palla al piede potessero fare male. Rabiot non è però mai riuscito a incidere in nessuna fase, con anzi tanta sofferenza senza palla contro Odriozola. Si parla molto di una sua possibile uscita a gennaio, con le prossime partite che sembrano l’ultima occasione per vedere se la Juve può contare sul francese. Nonostante dal punto di vista tecnico si sia rivelato un calciatore problematico, ha comunque qualità importanti. Ha ottime capacità di break, con corse palla al piede che generano pericoli. Seppur a sprazzi, le abbiamo viste nelle scorse stagioni.

Chissà che queste qualità non si possano vedere già dal prossimo turno. La Lazio di Sarri è una squadra con ancora diverse imperfezioni nel pressing, che concede molto sul lato debole. Considerando che la Juve fa tanta densità a destra, il francese a sinistra può fare male sul secondo palo. E’ arrivato per Rabiot il momento di dimostrare di essere un giocatore da Juventus.