Connettiti con noi

Juventus Women

Lina Hurtig in campo: le tappe della prima stagione alla Juventus Women

Pubblicato

su

Lina Hurtig in campo: le tappe della sua prima stagione alla Juventus Women. La svedese è diventata presto insostituibile

Il 31 agosto scorso Lina Hurtig atterrava all‘aeroporto di Torino Caselle (in foto copertina) per iniziare la sua avventura con la Juventus Women. La percezione del grande colpo c’era già allora: dal Linkoping arrivava una calciatrice di livello internazionale nel pieno della carriera, terza al Mondiale di Francia con la Svezia, tra l’altro soffiata all’agguerrita concorrenza di un top club come l’Atletico Madrid. Senza dubbio l’acquisto più importante al femminile nella storia del club torinese.  «La Juventus è un grande club con grandi ambizioni, sono felice di essere qui. Linda Sembrant mi ha detto solo cose positive di questa società e questo ha aiutato», furono le sue prime parole da giocatrice della Juve.

Attaccante in grado di ricoprire tutti i ruoli del fronte offensivo, all’occorrenza persino centrocampista, Rita Guarino ha fin da subito scelto di schierarla nel tridente per sfruttarne al massimo le qualità atletiche e tecniche. L’esordio arriverà il 5 ottobre, nella non banale cornice di San Siro al minuto 82 del big match con il Milan, subentrando a Barbara Bonansea. Per il primo gol bianconero bisognerà aspettare appena una settimana: l’11 ottobre il sigillo del 4-0 contro la Fiorentina nella sua prima apparizione sul campo amico di Vinovo. «Va sempre meglio, giorno dopo giorno – raccontava dopo quella partita – Mi sto adattando alla nuova squadra e sto conoscendo le compagne. Miglioro di giorno in giorno e questo mi fa sentire bene». Detto, fatto, partita dopo partita Lina diventa sempre più un punto fermo della Juventus Women, a suon di gol, assist e buone prestazioni, una titolarissima di Guarino soprattutto nelle partite più importanti. Partite come quella del 9 dicembre: all’Allianz Stadium arrivano le campionesse d’Europa del Lione per i sedicesimi di Women’s Champions League. Lina sblocca il risultato con un colpo di testa perentorio sul secondo palo e propizia l’autorete del momentaneo 2-1: sarà la numero 17 la principale artefice di un’impresa purtroppo soltanto sfiorata. Ma mai come in quella occasione la 25enne ha dimostrato di avere quella dimensione internazionale di cui le bianconere necessiteranno in futuro per colmare il gal col resto d’Europa.

Il 2021 ha portato invece ad Hurtig il suo primo trofeo con la maglia della Juventus Women: è il 10 gennaio quando la doppietta di Bonansea in finale con la Fiorentina regala alle bianconere la Supercoppa. Ad oggi la svedese ha segnato 8 gol con la Juve (6 in campionato, 1 in Champions e 1 in Coppa Italia nell’ultima partita disputata dalle bianconere contro la Roma). Degna di menzione la sua grande intesa con Bonansea: 5 degli 8 centri della svedese sono arrivati su assist confezionati da BB11. Trattasi evidentemente di due calciatrici che parlano lo stesso linguaggio calcistico. Ma la prima stagione bianconera di Hurtig, sin qui da incorniciare, non è finita: scudetto e Coppa Italia sono due trofei a cui la svedese non vuole rinunciare.

LEGGI ANCHE: Lina Hurtig aspetta un bambino: l’intervista – VIDEO

Continua a leggere
Advertisement