Lione Juve: incroci al passato e storie di ex nel match di Champions League

pjanic
© foto www.imagephotoagency.it

Lione Juve: incroci al passato e storie di ex nel match di Champions League tra i francesi e la squadra bianconera

Il rintocco delle note della Champions League avvolgerà e scalderà i cuori di milioni di appassionati, con il ritorno della competizione europea a segnare un momento cruciale della stagione. Lo sa bene la Juve che, mercoledì sera, sarà ospite del Lione al Parc OL nell’andata degli ottavi di finale. Primo atto di un doppio confronto che avrà a Torino, all’Allianz Stadium, il copione definitivo di chi staccherà il pass per la fase successiva della manifestazione. La squadra di Rudi Garcia è 7ª in classifica in Ligue 1, ma può contare dalla sua parte alcuni giocatori interessanti, sui quali i maggiori club europei hanno già posato gli occhi. Il mirino, dunque, è puntato su tutti gli incroci tra i calciatori in campo, con storie di ex compagni di squadra e crocevia al passato del match di Champions League.

Tre stagioni in Francia per Miralem Pjanic, cresciuto calcisticamente e professionalmente nel Lione all’alba della sua carriera. Ma è in Italia, alla Roma, che il bosniaco ha condiviso lo spogliatoio con Mapu Yanga-Mbiwa, ora difensore in forza ai francesi, nel 2014/2015. Un pezzo di Italia nel cuore anche di Ciprian Tatarusanu, che ha vestito la maglia della Fiorentina dal 2014 al 2017. Un triennio in maglia viola trascorso insieme a Federico Bernardeschi, prossimo avversario in Champions del portiere romeno ma non solo… Il 2014 è stato anche l’anno di Juan Cuadrado nel capoluogo toscano.

Proprio l’esterno colombiano, nella sua esperienza al Chelsea, è stato compagno di squadra nel 2015 di Bertrand Traoré, attaccante attualmente in forza al Lione. L’anno successivo, però, il calciatore ha cambiato aria trasferendosi all’Ajax, dove ha avuto la possibilità di giocare con Matthijs de Ligt, pilastro difensivo della Juve. Chiude gli incroci in squadre di club la figura di Cristiano Ronaldo, che nel 2008/2009 ha vissuto una stagione da protagonista al Manchester United insieme al terzino Rafael.

Il discorso, infine, si allarga anche al tema Nazionali, dando una prospettiva diversa agli incroci tra compagni. CR7 è ‘difeso’ con il suo Portogallo dalla posizione occupata tra i pali da Anthony Lopes, mentre in Francia Matuidi condivide lo spogliatoio con Dubois. Tete e Depay per l’Olanda degli enfants prodiges con De Ligt, con Rafael, Alex Sandro, Danilo e Douglas Costa a rimpolpare di qualità la rosa del Brasile.

Condividi