Connettiti con noi

Hanno Detto

McKennie torna al Dallas…per un giorno! «Qui tutto è iniziato» – VIDEO

Pubblicato

su

Weston McKennie, centrocampista della Juve, ha fatto visita al Dallas, il club americano nel quale è cresciuto

Weston McKennie ha sfruttato questo periodo di pausa di fine stagione per fare ritorno negli Stati Uniti. Il centrocampista della Juve ha fatto visita al Dallas, club nel quale è cresciuto prima del salto in Europa. Queste le sue parole in conferenza stampa.

«È un po’ il posto dove tutto è iniziato per me. Devo ringraziare tanto l’FC Dallas. Per aver creduto in me, soprattutto nei momenti difficili con la nazionale (giovanile). Il solo fatto di essere tornato qui, voglio provare a restituire alla comunità e a dove ho iniziato la mia educazione».

«Per me il Dallas ha creato un ambiente davvero professionale. Penso che abbiano fatto dei giochi mentali perché ci allenavamo sul campo 2 (al Toyota Soccer Center) e il campo 1 è letteralmente di fronte a te. Quindi, esci per allenarti con l’Academy, ma vedi i professionisti laggiù e pensi ‘È così vicino, è proprio lì.’ Quindi dai tutto il possibile per assicurarti di arrivare in quel campo un giorno. Ovviamente mi hanno preparato così bene che alla fine sono riuscito a fare il salto in Europa, ma mi hanno aiutato molto».

«Quando ero qui, il calcio non era una cosa così grande. Ma a Dallas, Frisco e Little Elm, ha iniziato a crescere. Vedi sempre di più ora, ogni volta che esci in pubblico, vedi persone che indossano maglie da calcio. Vedete un nuovo tipo di cultura che si sta formando qui. Ed è incredibile vederlo».

«Il Dallas in quel momento offriva tutto ciò che poteva offrire. Come vedete, abbiamo avuto molti giocatori di successo che sono usciti dal club e sono arrivati ​​ai massimi livelli possibili. Io sono andato allo Schalke e poi alla Juventus, ovviamente ci sono filosofie (diverse), ma se non è rotto non aggiustarlo. E l’FC Dallas lo fa da un po’ di tempo e ha continuato a dimostrare di essere la migliore accademia di sviluppo del paese».