Orlandi: «Galli, Boattin e Caruso fedeli al progetto Juventus Women» – ESCLUSIVA

Iscriviti
galli-juventus-women
© foto www.imagephotoagency.it

Alessandro Orlandi, fondatore di Studio Assist & Partnersha parlato in esclusiva su JuventusNews24

Alessandro Orlandi, fondatore di Studio Assist & Partners – società di procura sportiva che si occupa anche di calcio femminile – ha parlato in esclusiva su JuventusNews24. Tra le calciatrici da lui seguite spiccano i profili delle bianconere Aurora Galli, Lisa Boattin e Arianna Caruso, tre «giovani vecchie» imprescindibili nella Juventus Women di Rita Guarino.

Orlandi, cinque partite al termine della Serie A femminile: si riuscirà a terminare questa stagione?
«Da un punto di vista razionale, la priorità per tutti è la salute pubblica e la serenità comune; le atlete non sono merci o macchine. Da un punto di vista sportivo ed emozionale, farebbe piacere a tutti concludere il campionato, iniziando anche in piena estate».

È quindi auspicabile una deroga contrattuale per tutte le atlete
«Credo sia indispensabile. Posticipare la conclusione della stagione, prolungherebbe la naturale scadenza dei contratti e conseguentemente anche delle successive finestre di mercato».

La questione del taglio degli stipendi abbraccerà anche la Serie A femminile?
«Per alcune squadre sarà indispensabile per la sopravvivenza tentare di minimizzare i costi in questa fase. Al tempo stesso, anche se a livello regolamentare inquadrate ancora come Dilettanti, tante calciatrici italiane fanno questo sport di professione e rischierebbero di andare in seria difficoltà nel quotidiano. Sinceramente, mi auguro che le istituzioni non abbandonino il nostro settore, che è completamente fermo da più di un mese senza una reale prospettiva per il futuro. Calciatori, calciatrici, staff tecnici e addetti ai lavori, di questo passo rischiano di andare in seria difficoltà se non ci saranno misure statali a sostegno».

E intanto slitta anche il tanto agognato passaggio al Professionismo…
«Sicuramente questa situazione non gioca a favore del Professionismo, che a questo punto penso arriverà nella stagione 2021/22».

Aurora Galli e Lisa Boattin: due giovani punti fermi della Juventus Women oltre che due sue assistite. Quanto sono cresciute in bianconero?
«Ormai sono “giovani vecchie”! È da tanti anni che popolano i campi di Serie A, con prestazioni di livello e con una crescita costante. L’esperienza in bianconero, grazie anche al sostegno quotidiano di professionisti del calibro di Rita Guarino e Stefano Braghin, le sta facendo crescere in maniera impressionante, soprattutto a livello di maturità e professionalità».

Arianna Caruso è destinata a diventare un pilastro della Nazionale italiana e di tutto il movimento?
«La domanda racchiude già il mio pensiero, sono certo che Arianna in un futuro nemmeno così lontano, possa diventare una protagonista della Nazionale Italiana e tra i simboli della nuova generazione di calciatrici italiane in rampa di lancio».

Tutte e tre le sue assistite bianconere sono legate alla Juventus Women fino al 2021. In futuro l’estero potrebbe rappresentare una tentazione?
«Sono tutte felici del percorso in bianconero e grate alla società per queste fantastiche annate. Posso confessarvi che per tutte e 3, in questi anni abbiamo ricevuto sondaggi e proposte dall’estero, in particolare da Inghilterra e Spagna, ma sempre respinte al mittente, per fedeltà e pieno coinvolgimento nel progetto Juventus».

Pensa che il mercato estivo nel calcio femminile possa risentire di questa crisi?
«Penso che si trasformerà in una sessione autunnale/invernale di mercato visti gli sviluppi. Come dicevo prima, se verranno posticipati i campionati, tutto slitterà di conseguenza. In questo modo non verrebbero meno la pianificazione ed efficienza di club, atleti ed agenti nella sessione di calciomercato».

Qualche giovane interessante da consigliare alla Juventus Women?
«Sicuramente la Juve ha la possibilità di acquisire ed attrarre atlete da ogni parte del mondo. Ovviamente anche tante giovani italiane sono in grande ascesa e alcune di queste sono già di proprietà Juve. La dirigenza e lo staff tecnico sono molto preparati e sapranno chiaramente su chi muoversi per il futuro».

Si ringrazia Alessandro Orlandi per la disponibilità e la cortesia mostrate in occasione di questa intervista

Condividi