Osvaldo: «Alla Juve ci sono regole precise. Se non lo capisci il problema sei tu»

© foto www.imagephotoagency.it

Pablo Daniel Osvaldo, ex attaccante della Juventus, ha parlato del suo periodo in bianconero e del suo rapporto con Antonio Conte

Pablo Daniel Osvaldo, ex attaccante della Juventus e aspirante musicista, ha parlato al settimanale Fuorigioco. L’italo-argentino ha spiegato il suo periodo in bianconero ed ha raccontato il suo rapporto con Antonio Conte.

JUVENTUS – «Poca Libertà? No è diverso, alla Juve sono stato bene, è normale che ti venga richiesto di rispettare certe regole anche per una questione d’immagine del club. Se non lo capisci, il problema sei tu».

ANTONIO CONTE – «Gli allenatori a cui sono legato? Zeman, Pochettino e Conte. Antonio è il più grande, non solo a livello tecnico-tattico. Uno che ti dice le cose in faccia, ma che sa anche ascoltare. Se hai le palle, gli dici che non sei d’accordo con lui, ti manda a quel paese ma poi elabora e nel caso ti dà ragione. Non ha una panchina? Una sua scelta. Aspetta l’occasione giusta. Sarebbe stupendo se diventasse l’allenatore dell’Argentina. Almeno con lui torneremmo a vincere il Mondiale!».