Picco (ASL Torino): «Responsabilità penale per i giocatori? Vi spiego»

ronaldo-stadium
© foto www.imagephotoagency.it

Le dichiarazioni del commissario della ASL di Torino Carlo Picco sul caso Juve-Napoli e non solo

Carlo Picco, Commissario della ASL di Torino, ha parlato a Radio Punto Nuovo intervenendo sul caso Juventus-Napoli. Ecco le sue parole.

RESPONSABILITÀ PENALE – «Abbiamo in Piemonte alcune forme differenziate di isolamento. L’isolamento attivo permette al soggetto di andare a lavorare con particolari precauzioni che l’Asl va a prescrivere. Sul calcio c’è il mio dipartimento di prevenzione che se ne occupa, ma mi risulta che c’è un protocollo della FIGC validato dal CTS che prevede l’isolamento attivo. Quando i calciatori sono tenuti in una bolla possono continuare gli allenamenti e le partite. Ovviamente, i calciatori non possono prendere un aereo e andare all’estero: sono stati segnalati alla Procura, ma verso le singole persone. Se ci sarà reato lo stabilirà l’autorità giudiziaria con possibili sanzioni. La Juventus ci ha segnalato i comportamenti».

ASL NAPOLI – «Non giudico l’intervento della Asl di Napoli perché non conosco le motivazioni, ogni dipartimento di prevenzione alle sue modalità di intervento. Da noi è stato applicato il protocollo».

IPOTESI CASO GENOA ALLA JUVE – «Decide il dipartimento di prevenzione, deve essere valutato caso per caso. Ma, se ci protocolli validati vanno rispettati».

LEGGI ANCHE: Juve, tesserati liberi e in pieno diritto: la responsabilità non è più del club

Condividi