Primavera 1 2020/21: le prossime avversarie della Juve Primavera di Bonatti

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Primavera 1 2020/21: le prossime avversarie in campionato della Juve Primavera di Andrea Bonatti nella nuova stagione

Lo Scudetto cucito sul petto dell’Atalanta è stata l’ultima fotografia della passata stagione in Primavera 1. Un campionato sospeso definitivamente causa Covid-19, con i verdetti emessi dalla Lega a formare la griglia di partenza per l’annata successiva. Prima novità: 16 squadre e non 18, con Chievo, Napoli e Pescara sprofondate in Primavera 2 e Milan, Ascoli e Spal che disputeranno il Primavera 1 2020/21 dopo la promozione dalla seconda divisione. Seconda novità: il nuovo volto della Juve Primavera. I bianconeri saranno guidati quest’anno da Andrea Bonatti, che ha ereditato la panchina di Lamberto Zauli (ora in Under 23) ed è stato promosso dall’iniziale ruolo di allenatore dell’Under 17. 16 formazioni al via, ecco quali saranno le prossime avversarie della Juventus.

Primavera 1 2020/21: le prossime avversarie della Juve Primavera

Il nuovo campionato vedrà la Juve opposta a tre squadre che lo scorso anno facevano parte del Primavera 2: Milan, Spal e Ascoli. I rossoneri hanno nettamente dominato lo scorso campionato, conquistando la promozione con 16 punti di distacco dalla seconda in classifica. La Spal, appunto. Nel Girone B, invece, l’Ascoli ha staccato di dieci punti il Trapani, guadagnandosi il suo meritato pass. Dette le novità, la certezza è rappresentata da quelle squadre che negli anni hanno sempre data battaglia ai bianconeri per le prime posizioni: Atalanta (campionessa in carica), Fiorentina, Inter e Roma, a cui si uniscono le sorprese in positivo della passata stagione: Cagliari e Genoa, classificatesi rispettivamente in seconda e quinta posizione.

Il settimo e l’ottavo posto di Empoli e Sampdoria proverà ad essere superato dalle due compagini, mentre saranno in cerca di riscatto Torino, Lazio e Sassuolo dopo aver raggiunto la 13ª, l’11ª e la 10ª posizione lo scorso anno. Ha ancora voglia di stupire, infine, il Bologna, che nelle ultime stagioni ha sempre dato continuità al percorso di crescita del proprio settore giovanile.

Condividi