PUNTO A CAPO – Pirlo e la tentazione Chiesa nel tridente

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Dopo l’esplosione di Chiesa contro la Dinamo, si valutano soluzioni per sfruttarne al meglio il potenziale. Pirlo è già al lavoro

Una soluzione immediata e intrigante per provare a sfruttare l’intero potenziale offensivo della Juventus potrebbe essere quella di avanzare il raggio d’azione di Chiesa. Piazzandolo a destra nel tridente, insieme a Morata e Ronaldo. Un’idea più teorica che pratica – almeno per il momento – vista la squalifica dello spagnolo, ma che si potrebbe sviluppare dopo il Genoa. Contro la Dinamo, infatti, Chiesa ha dimostrato fiducia, freddezza e una buona dose di personalità, entrando in tutte e tre le azioni da gol. Quindi la domanda è legittima: perché non provare a sfruttare le sue caratteristiche qualche metro più avanti, vicino alla porta avversaria, dove può essere più decisivo?

Al momento è solo un’ipotesi, ma con il ritorno in pianta stabile di Alex Sandro la fascia sinistra ha ritrovato il suo padrone, e in attesa di rivedere Dybala si suoi livelli, lo spazio in attacco ci sarebbe. Pirlo farà i suoi calcoli, nel caso servirebbe un esterno destro all’altezza, uno tra Kulusevski e Bernardeschi per intenderci, ma Chiesa nel tridente stuzzica, non soltanto i tifosi. A Firenze giocava più avanzato rispetto all’avvio in campionato bianconero, affiancare campioni affermati come Morata e Ronaldo per lui potrebbe essere un’occasione fondamentale per ampliare il suo bagaglio, fare esperienza e imparare le malizie del mestiere. La prestazione maiuscola contro la Dinamo ha chiuso il periodo di apprendistato, ora Chiesa è pronto a giocarsi la sua occasione con la Juve.

Condividi