Connettiti con noi

Hanno Detto

Rampulla svela: «Calciopoli un’ingiustizia. Un giocatore non voleva venire in B»

Pubblicato

su

Michelangelo Rampulla, ex portiere della Juve, ha raccontato alcuni aneddoti della sua esperienza in bianconero

Intervistato da Il Posticipo, Michelangelo Rampulla ha raccontato alcuni aneddoti di casa Juve.

CALCIOPOLI «Allenavo i portiere nello staff di Didier Deschamps. All’inizio è stato difficile, poi quando ti cali dentro il calcio pensi solo a vincere. È come se la Juventus si fosse presa un anno sabatico, poi ha ricominciato a primeggiare in Italia e in Europa. Dopo Calciopoli il club ha vinto tanti scudetti e ha giocato due finali di Champions. La società è rinata dopo questa brutta pagina di calcio. Ingiustizia? Sicuramente sì perché noi addetti ai lavori sappiamo come vanno le cose e come sono andate. Non c’era tutto quello che si è visto. Ci è sembrato che volessero punire una situazione in particolare piuttosto che una serie di reali situazioni spiacevoli».

IBRAHIMOVIC«Ci parlavo tutti i giorni nel ritiro di Pinzolo. Ibra non voleva giocare in Serie B. Avrebbe dovuto perdere un anno, la stagione successiva saremmo tornati in A a tutti i costi. Zlatan però non era disposto a fare questo sacrificio e ha deciso di prendere un’altra strada».