Sarri: «La Lega ci ha creato problemi, forse con la Roma gioca l’Under 23»

© foto www.imagephotoagency.it

Maurizio Sarri, allenatore della Juventus, ha parlato al termine del match della Sardegna Arena tra i bianconeri ed il Cagliari

Maurizio Sarri, allenatore della Juventus, ha parlato ai microfoni di Dazn al termine del match della Sardegna Arena tra bianconeri e Cagliari. Il tecnico toscano ha commentato la prestazione dei suoi uomini.

PARTITA – «Il dato dei gol subiti ci può preoccupare, la partita no. Abbiamo vinto il campionato 68 ore fa, È una gara atipica per motivazione, va presa per quella che è. Ma dobbiamo diventare una squadra solida».

PROBLEMI FISICI – «I problemi ce li ha creati anche la Lega, siamo l’unica squadra d’Europa che facciamo 5 partite in 12 giorni, neanche in 14. 20, 23, 26 e primo, quindi vediamo come stiamo domani, se è il caso di schierare l’Under 23 l’ultima partita per recuperare».

FASE DI POSSESSO – «Il palleggio come mentalità ci sta venendo fuori abbastanza bene, non per velocità di circolazione. Palleggiando a basso ritmo non creiamo problemi alle difese avversarie. In trasferta facciamo più fatica a sbloccare, ma per farla circolare meglio ci serve un pizzico di brillantezza in più».

RONALDO-HIGUAIN – «Cristiano è un giocatore non decifrabile, è un istintivo e questa è la sua forza. Deve essere l’altro attaccante ad adattarsi, a tratti lo abbiamo fatto bene. Questa sera ci è mancata cattiveria nello sfruttare l’occasione del tiro. Non eravamo al top, ma era normale che fosse così».

PALLA SEMPRE A RONALDO – «È inevitabile, è un condizionamento psicologico. È il giocatore più forte, che spesso risolve le partite. Normale cercarlo con frequenza, a volte eccessiva».

RONALDO IN CAMPO – «Parlandoci ieri era molto motivato. Voleva giocare perché si sentiva bene, si rende benissimo conto del suo fisico. È una scelta che abbiamo preso insieme».

SCELTE LIONE – «Abbiamo lasciato a casa 9 infortunati. In questo momento ho pochi dubbi. Vediamo con quelli che saremo in grado di recuperare».

Condividi