Sarri: «Ad un certo ho pensato che avremmo vinto. È un punto importante»

© foto www.imagephotoagency.it

Maurizio Sarri, allenatore della Juventus, ha parlato al termine del match dello Stadium tra i bianconeri e l’Atalanta

Maurizio Sarri, allenatore della Juventus, ha parlato ai microfoni di Dazn al termine del match dello Stadium tra bianconeri ed Atalanta. Il tecnico toscano ha commentato la prestazione dei suoi uomini.

JUVE-ATALANTA – «Abbiamo affrontato una delle squadre più in forma d’Europa. Sono partite con un grado di difficoltà enorme. Abbiamo fatto l’errore di giocare palla addosso, e con la loro aggressività è sempre un rischio assoluto. I due gol sono arrivati da due palle perse. Giocare con l’Atalanta è difficilissimo: abbiamo fatto una partita diversa nel secondo tempo, e ad un certo momento ho pensato che avremmo vinto. E’ un punto importante».

QUANTO PESA IL PAREGGIO – «Scudetto? Pesa un punto. Avevamo sette punti di vantaggio, ora ne abbiamo otto. C’è un proverbio fiorentino che ora non posso dire…».

RONALDO-DYBALA – «Era una partita difficile per gli attaccanti, meno per Cristiano e un po’ di più per Dybala. Nella parte finale della partita abbiamo provato con Higuain ad aprire spazi per Cristiano. Pjanic? Non stava benissimo, aveva un po’ di affaticamento ad un adduttore e ho fatto scelte diverse per evitare infortuni muscolari».

SECONDO TEMPO – «Abbiamo messo più energie e abbiamo difeso più in avanti anche noi. Siamo riusciti a conquistare diversi palloni nella metà campo avversaria».

CONDIZIONE – «Era chiaro che ci sarebbero stati momenti difficili. Giocare con l’Atalanta è difficile per tutti, non solo per noi. Non abbiamo avuto problemi fisici a Milano, quello è uno svenimento. E’ stato un crollo mentale. Siamo stati meno brillanti stasera fisicamente, ma la squadra è stata più in salute».

Condividi