Trezeguet: «Per Pirlo una cosa sarà più importante di tutte le altre»

© foto www.imagephotoagency.it

Trezeguet: «Per Pirlo una cosa sarà più importante di tutte le altre». Le dichiarazioni dell’ex attaccante francese

David Trezeguet ha parlato di Juventus a Tuttosport.

PIRLO ALLENATORE – «Era destino che Andrea Pirlo prendesse il comando in questa nuova avventura. La società ha fatto una scelta coraggiosa e, allo stesso tempo, mirata. Purtroppo per diversi motivi, compresi gli impegni dei giocatori convocati in Nazionale, non tutto il gruppo ha potuto lavorare insieme finora: servirà tempo, bisognerà avere pazienza Pirlo ha le sue idee, dovrà imporre il suo stile di gioco, la sua mentalità. E man mano lungo il percorso cercherà di raggiungere determinati obiettivi. Sono traguardi molto chiari, evidenti, che esistono al di là di chi sia l’allenatore».

OBIETTIVI – «La Juve è una squadra vincente, conquistare trofei è parte del dna bianconero. Ma per farlo la Juventus deve sempre tirare fuori il meglio di se stessa. Non sarà semplice, però credo che Andrea abbia la capacità di essere molto chiaro con i giocatori. Soprattutto con i suoi discorsi. Penso che in questo momento sia la cosa più importante di tutte».

MIGLIORIE – «Quando torni alla Juventus e vedi che la squadra ha già raggiunto un certo livello, considerata la grande qualità dei giocatori, è molto difficile aggiungere qualcosa in più dal punto di vista tecnico-tattico. Sicuramente per lui sarà molto importante parlare chiaro, dare determinati input ai suoi calciatori perché capiscano rapidamente cosa vuole da loro in base al sistema di gioco che adotterà. E per far sì che i giocatori esprimano compiutamente le loro qualità sul campo».

NUOVO ATTACCANTE CON CR7 E DYBALA – «Credo che saranno fatte le giuste valutazioni. Ad ogni modo la possibilità di giocare con Ronaldo, con Paulo Dybala, sarebbe un onore per chiunque: è qualcosa che ti dà una voglia, una carica tale che la necessità di adattarsi non potrà essere un problema. A me era accaduto quando arrivai alla Juve dove già giocava Alessandro Del Piero, Pippo Inzaghi… Oggi parliamo di calciatori che comunque hanno già dimostrato di aver raggiunto alti livelli, però questa è una realtà che non si accontenta, che punta ad andare oltre quello che già ha».

LEGGI ANCHE: Rassegna stampa Juve: prime pagine quotidiani sportivi – 9 settembre 2020

Condividi