Connettiti con noi

Calciomercato Juve

Udogie Juve: Alex Sandro, il ruolo e l’Europeo. 5 curiosità sull’obiettivo a sinistra

Pubblicato

su

Udogie Juve: Alex Sandro, il ruolo e l’Europeo. 5 curiosità sull’obiettivo di mercato a sinistra dei bianconeri

Centrocampo, attacco ma non solo. Il restyling estivo della Juve coinvolgerà anche la fascia sinistra: lì, dove sia Alex Sandro sia Pellegrini hanno già le valigie in mano. Il primo ha vissuto un’altra stagione di calo, il secondo è alla ricerca di una nuova avventura che gli dia maggiore spazio e maggiore continuità. Tra i tanti nomi sulla lista di Cherubini c’è anche quello di Destiny Udogie, classe 2002, rivelazione in questa stagione con la maglia dell’Udinese ma in prestito dal Verona. 37 presenze alla sua prima vera annata da protagonista in Serie A: cinque gol e tre assist impreziosiscono il suo bottino. Contatti avviati, la Juventus si muove per il giovane terzino, sul quale si registra anche l’interesse di club esteri. Ma ecco chi è davvero Destiny Udogie.

Il ruolo. Un punto sicuramente a favore di Udogie è la sua duttilità. La sua posizione naturale è quella di terzino sinistro in una difesa a quattro, ma anche quella di esterno alto in un sistema di gioco a cinque. Udogie sa interpretare anche un altro ruolo: nelle selezioni giovanili dell’Italia, soprattutto, ma anche con Udinese e Verona in rarissime occasioni, è stato utilizzato anche come mezz’ala di sinistra. Sintomo, questo, della sua grande intelligenza tattica.

Doppio rifiuto. Il Verona è stato il trampolino di lancio nella carriera di Destiny. La squadra in cui è cresciuto, è maturato, dal settore giovanile fino all’esordio in prima squadra. Ma anche la squadra che per ben due volte all’età di 9 anni, ai provini, lo ha rifiutato. Era solo questione di tempo per il suo matrimonio in gialloblù.

Passione Milan. In un’intervista a Tuttosport del 2019, Udogie ha dichiarato: «Una passione calcistica da bambino? Il Milan di Ronaldinho». Destino vuole che proprio contro il Milan, l’8 novembre del 2020, il classe 2002 ha calcato per la prima volta il palcoscenico della Serie A. Milan-Verona 2-2: 21 minuti da centrocampista, i primi nella massima serie contro il club da sempre ammirato.

Modello bianconero. «Mi ispiro ad Alex Sandro, mi piace il suo modo di giocare» ha ammesso Udogie. Un altro incrocio suggestivo, di chi nel 2019 non sapeva ancora quale strada potesse riservargli il futuro ma sognava un roseo avvenire. La curiosità è che ora Udogie potrebbe affiancare il brasiliano o addirittura prendere il suo posto nello scacchiere difensivo.

Europeo amaro. Udogie ha alle spalle un secondo posto all’Europeo Under 17 del 2019, in cui si è reso protagonista anche di un gol importante in semifinale nella vittoria contro la Francia. Lo smacco poi all’ultimo atto, nella finalissima persa 4-2 contro l’Olanda. Tanta Juve in quella partita: dagli attuali Under 23 Sekulov, Riccio e Cudrig agli ex Tongya, Brentan e Lamanna.