Zhang avvisa la Juve: «Tutta l’Inter è rivolta alla vittoria»

© foto www.imagephotoagency.it

Zhang carica l’ambiente e sfida la Juve: «Tutta l’Inter è rivolta alla vittoria, questa aspirazione fa parte della nostra missione»

L’inizio del campionato è alle porte e Steven Zhang, presidente dell’Inter, è stato intervistato dal Corriere della Sera. Il nerazzurro delinea gli obiettivi di stagione e mette in guardia la Juve. Ecco alcuni passaggi dell’intervista:

«Tutta l’Inter è rivolta alla vittoria, questa aspirazione fa parte della nostra missione. Non ho mai visto uno che lavori così tanto, con una simile intensità, come Conte: anche questa caratteristica ci unisce. Così pure la cura dei dettagli. Seguo il principio del senso di appartenenza».

MESSI – «Se ci abbiamo pensato? No, un investimento simile non può rientrare nel nostro progetto. Almeno non in questo momento. Innovazione, programmazione, crescita costante, stabilità economica sono i nostri caposaldi. Percorrendo questa strada, che prevede una pianificazione a lungo termine, arriveremo ai risultati e ai traguardi programmati, riporteremo l’Inter ai livelli nazionali e internazionali che le competono».

VERTICE CON CONTE – «Mi faccia dire che i toni di quel summit sono stati drammatizzati. Era necessaria una riflessione, ho trovato il nostro allenatore sereno, costruttivo, lontano dagli stati d’animo raccontati dai media. Conte vive la partita e l’evento agonistico in un certo modo, con molta intensità. Ma quando si siede attorno a un tavolo, esprime le sue idee in modo pacato, finalizzando le sue proposte al bene della squadra e della società. E così è stato in quel vertice con lui e i dirigenti dell’Inter. Voglio dire che il film mostrato e raccontato è stato ben diverso dalla realtà da noi affrontata. Quel vertice è stato uno dei tanti incontri, a volte anche quotidiani, necessari per sistemare alcune questioni urgenti, operative, con uno scopo ben preciso: la crescita costante della società Inter».

LEGGI ANCHE: Candreva al Genoa dopo il no di Karsdorp. La situazione di De Sciglio

Condividi