Simone Bernardo (agente): «Ho sentito la Juve per il rinnovo di Panzeri» – ESCLUSIVA

© foto Db Novara 12/09/2018 - Champions League Femminile / Juventus-Brondby / foto Daniele Buffa/Image Sport nella foto: Vanessa Panzeri

Simone Bernardo, agente di Vanessa Panzeri e di altre giocatrici bianconere, fa il punto sulle situazioni delle sue assistite – ESCLUSIVA

Tempo di mercato anche in Serie A femminile. Simone Bernardo, agente di Vanessa Panzeri, Michela Franco e varie giocatrici della Juventus Women Primavera, ha fatto il punto sulla situazione delle sue assistite ai microfoni di Juventusnews24.com. Le sue parole.

Il rinnovo di Vanessa Panzeri fino al 2022 sembra ormai molto vicino. Quali sono le sensazioni in merito all’accordo?

«In realtà l’unica cosa che è accaduta è una chiamata tra me e Braghin per cercare di capire se potevamo allungare il contratto nonostante il lockdown e l’infortunio della ragazza, per non farle venire l’ansia da prestazione. Finché non mi incontro con Braghin a fine mese non so dire di più, c’è stata solo una chiamata nella quale ci siamo detti di incontrarci per mettere giù le cifre e mettere tutto quanto nero su bianco. Io credo che per metà giugno si chiuda tutto».

Lei pensa che Vanessa possa essere il futuro della difesa bianconera?

«Credo che lo sarà della Juve, ma anche della Nazionale. Essendo secondo me una delle più forti in Italia nel suo ruolo».

Un’altra sua assistita in scadenza di contratto è Michela Franco. Anche per lei ci sono contatti in corso?

«Per Michela non ci siamo ancora parlati perché bisogna aspettare che finisca il campionato e che loro decidano quello che vogliono fare, così come Michela. Non abbiamo ancora iniziato a parlare, se non un accenno per capire qualcosa, ma è ancora troppo prematuro».

Anche in Primavera ci sono varie sue assistite come Soggiu, Caiazzo, Giai e Brscic. Le immagina in pianta stabile in prima squadra ed è soddisfatto della loro stagione?

«Tutte si augurano di fare il proseguio di carriera in Prima Squadra. Per quanto riguarda la stagione, sì, hanno praticamente vinto il campionato, il Viareggio. Specialmente Caiazzo, Soggiu e Brscic hanno fatto benissimo. Per quest’ultima troveremo delle soluzioni sul mercato».

Pensa a qualche prestito per queste giocatrici?

«A parte Brscic, no, sono molto giovani e devono fare almeno un anno di Primavera. Poi se cambiano formula e fanno una Serie A a 10-12 squadre di un certo tipo, secondo me la Caiazzo e la Soggiu possono già essere pronte per giocare in Serie A».

Valentina Puglisi, invece, andrà a studiare negli Stati Uniti…

«Ha ancora un esame in questi giorni, se lo passa andrà sicuramente negli Stati Uniti. Io sto facendo ancora mercato e c’è mezza Serie A che la vuole. Tutto è subordinato al Covid, non posso sapere quello che succederà tra un mese».

Quali sono le giocatrici più interessanti sul panorama calcistico italiano?

«A parte le mie assistite, nel settore giovanile se guardiamo la Juve credo che Silvioni e Bragonzi siano due che possono fare davvero molto bene in Serie A».

Lo spostamento al 2022 dell’Europeo femminile potrebbe essere un’occasione per tante giovani?

«Se devo essere egoista ho pensato subito alla Panzeri. Lo spostamento di un anno le dà la possibilità di rientrare dall’infortunio e poter partecipare da protagonista. Quelle che potevano andare perdono un anno, quelle che non potevano andare ne guadagnano uno. È un 50 e 50».