Allegri a Sky: «Inutile recriminare, bisogna stare in silenzio. Il momento non è facile»
Connettiti con noi

News

Allegri a Sky: «Inutile recriminare, bisogna stare in silenzio. Il momento non è facile»

Pubblicato

su

Massimiliano Allegri, allenatore della Juve, ha parlato a Sky Sport dopo il fischio finale del match con l’Udinese

Massimiliano Allegri ha parlato a Sky Sport dopo il fischio finale di Juve Udinese.

L’ANALISI – «Durante l’annata ci sono questi momenti purtroppo. La squadra ha fatto un buon primo tempo e non è riuscita a far gol. Abbiamo subito gol su palla inattiva. L’Udinese è una squadra fisica e tecnica. Non è facile giocarci contro. Per noi purtroppo non è un momento felice. La cosa più importante è restare sereni. Abbiamo un obiettivo importante da raggiungere. Siamo secondi in classifica. Dobbiamo fare ancora molti punti per entrare in Champions. Bisogna resettarsi e cominciare a fare punti da sabato».

IL CONTRACCOLPO DEL PAREGGIO CON L’EMPOLI – «E’ un altro passaggio che serve alla squadra. E’ stata fatta con tanti giocatori con poca esperienza per vincere il campionato. Dispiace questi momenti, ma si deve uscire rinforzati. Sicuramente capiranno in altre stagioni e reagiremo in modo diverso, ma fa parte del calcio. In questo moment essere nervosi e pensare che si poteva fare questo o quell’altro non serve a niente. Bisogna pensare a lavorare e fare».

DELUSO DALL’ATTEGGIAMENTO DELLA SQUADRA – «C’è stata l’occasione di Yildiz, poi un paio di situazioni favorevoli. Però è inutile recriminare, in questo momento qui bisogna stare in silenzio e pensare a lavorare e fare punti per entrare in Champions».

CERRI E I GIOVANI – «Soddisfazione? Sono dispiaciuto molto perché da 3 partite non riusciamo a vincere e abbiamo fatto 1 punto. Stasera abbiamo fatto un buon primo tempo. E’ stata una partita lenta, l’Udinese rallenta molto. sono molto fisici. Quando capita l’occasione devi fare gol e nel primo tempo ne abbiamo avute -4-5 favorevoli, mentre nel secondo abbiamo avuto difficoltà a costruirle. Capitano questi momenti, bisogna stare sereni e pensare a lavorare domattina. Abbiamo ancora tante partite e l’obiettivo da raggiungere, la quota Champions, la semifinale di Coppa Italia . Bisogna reagire».

UN PUNTO IN TRE PARTITE – «Nessuno si sarebbe aspettato 1 punto in 3 partite, però bisogna accettarlo, vuol dire che abbiamo meritato di fare 1 punto. Siamo in un momento dopo aver fatto tanti punti in tante partite , magari ne avevamo fatti di più rispetto alle previsioni e le idee di tutti per merito dei ragazzi. E’ normale che ci può essere un momento di down che va tolto nel più breve tempo possibile. Oggi la squadra ha concesso poco niente all’Udinese che di solito ha occasioni. E’ un momento così, ma il calcio va preso per quel che è e soprattutto bisogna pensare a lavorare, fare e fare una bella partita a Verona che non sarà facile».

CHIESA – «Federico stasera ha fatto una buona partita, è normale che da lui ci aspetta cose importanti. E’ rientrato dopo 2 settimane dove ha fatto meno lavoro. Per la prestazione di stasera sono contento, ma son contento di tutto la squadra. Dispiaciuto, ma bisogna reagire. Da queste sconfitte bisogna uscire rinforzati sapendo che nel calcio ci sono questi momenti. Non è la prima volta che li passo, ne ho passati anche di peggio. Bisogna essere più propositivi e spensierati in questo momento».

Copyright 2023 © riproduzione riservata Juventus News 24 – Registro Stampa Tribunale di Torino n. 45 del 07/09/2021 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 Editore e proprietario: Sport Review S.r.l P.I.11028660014 Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a Juventus Football Club S.p.A. I marchi Juventus e Juve sono di esclusiva proprietà di Juventus Football Club S.p.A.