Branchini: «Ronaldo crede in se stesso, avrebbe voluto decidere la partita»

© foto www.imagephotoagency.it

Il procuratore Giovanni Branchini ha parlato della reazione di Cristiano Ronaldo in Juve Milan: la sua opinione

Giovanni Branchini, procuratore, ha parlato della reazione di Cristiano Ronaldo in Juve Milan. Le parole dell’agente.

«L’orologio va avanti per tutti, anche per un fenomeno come CR7. Le prestazioni non al top ci stanno e c’erano anche dieci anni fa. Allegri avrebbe fatto la stessa scelta di Sarri. Il fatto che Ronaldo si sia arrabbiato è comunque un buon segno, crede in se stesso e avrebbe voluto decidere la partita» ha dichiarato l’agente.