Connettiti con noi

Hanno Detto

Chiellini: «Champions? Meritiamo di giocarcela fino all’ultimo»

Pubblicato

su

Giorgio Chiellini ha parlato dopo la vittoria della sua Juve sull’Inter. Le parole del difensore bianconero al termine del match

LA GARA – «Una vittoria importante, difficile, contro i più forti d’Italia. Lo hanno dimostrato anche stasera. L’abbiamo affrontata bene, siamo stati squadra come magari non abbiamo fatto altre volte. Il risultato ci ha premiato, non abbiamo rubato niente».

PASSERELLA – «Abbiamo fatto i complimenti ad uno per uno ai giocatori dell’Inter nello spogliatoio. Ve lo dico. È un discorso che abbiamo affrontato e ci tenevamo a fare i complimenti ma ci sembrava esagerato farlo, anche perché con noi non era stato mai fatto. Lo abbiamo fatto nel modo più corretto, senza farlo vedere eccessivamente».

EPISODI – «Non posso dire quello che penso… Commentate voi, in campo vediamo le cose diversamente. Abbiamo fatto tante buone cose, mi è piaciuto l’atteggiamento».

ULTIME GARE – «Abbiamo tirato fuori l’orgoglio, non so se ci porterà in Champions. Meritiamo di giocarcela fino all’ultimo, non penso che avremmo meritato di più. Ci proveremo, vediamo gli altri cosa faranno domani. Mercoledì abbiamo una Coppa, sappiamo quanto siano importanti i trofei. Domenica sera faremo tutte le valutazioni del calcio ma oggi è un passo prematuro. Aspettiamo una settimana. L’Atalanta ha meritato, noi meritiamo di giocarcela fino all’ultimo. Spero che il Napoli faccia dei passi falsi ma non avremmo meritato di esserci già».

CONTINUITA’ – «Ci è mancata la continuità nelle prestazioni come quelle che abbiamo fatto oggi. Non abbiamo fatto sempre male, non è stato un disastro, ma ci è mancata la continuità».

PIRLO – «Il rapporto è sempre stato buono nel rispetto dei ruoli. Non ci siamo mai permessi di entrare in nessuna sua scelta, lo abbiamo sempre rispettato come allenatore, come è giusto che sia. Non si può avere lo stesso rapporto che si aveva un anno fa. Da parte degli ex compagni questo è stato un passo indietro voluto nel rispetto dei ruoli. Abbiamo cercato di dargli l’anima come con tutti ma con lui qualcosa in più, mai mettendolo in difficoltà e mai prevaricandolo nel suo ruolo. Giusto ci sia un rapporto di gerarchia».

FUTURO – «Spero di rispondervi tra qualche anno, adesso sono giocatore. Le scelte le fanno altri».