Chiellini: «Quarantena va tolta per proseguire. Sarri assomiglia a Conte»

chiellini
© foto www.imagephotoagency.it

Chiellini: «Quarantena va tolta per proseguire. Sarri assomiglia a Conte». Torna a parlare il capitano della Juventus

Giorgio Chiellini, capitano della Juventus, è stato intervistato dal Corriere dello Sport.

15 ANNI DI JUVE – «Quindici anni alla Juve sono tanti, ti entrano dentro, sicuramente mi considero fortunato per averli fatti, ma allo stesso tempo mi rendo conto che non è così semplice. La Juventus ti impegna, le pressioni sono continue, in questi quindici anni ho vissuto in paradiso, all’inferno, di nuovo in paradiso…. Inferno? Paradossalmente i due settimi posti. Più della serie B. All’epoca ero molto giovane, la mia situazione non era paragonabile a quella dei grandi campioni che avevo accanto. Gente che aveva appena vinto la coppa del mondo o giocato la finale e si ritrovava in B. Avevo ventidue anni appena, la B è stata un’occasione per confermarmi, consolidarmi nella squadra. I due settimi posti sono stati i più brutti perché, tornati in serie A, avevamo ottenuto un terzo, un secondo e c’era la sensazione di riuscire a competere per vincere. Due annate pessime dalle quali abbiamo dovuto sempre ripartire, da lì e nata un’avventura inimmaginabile».

ALLEGRI E SARRI«Max è un esteta. E’ molto più brillante, più leggero, nei cinque anni è cresciuto in modo esponenziale, sa abbassare e alzare i toni. Ha una sensibilità che pochi hanno e che non ho riscontrato in molte persone, e non parlo solo di allenatori. Conoscevo Max, ma poco più di un ciao ciao, pur essendo entrambi di Livorno. Negli anni mi ha stregato, conquistato, sì. Ci ha dato un boost ulteriore. Sarri è molto più meticoloso, quindi è più simile a Conte che non ad Allegri, ma con princìpi e sistemi differenti. Si basa tanto sui numeri, è un amante del gioco, del possesso palla. Lui è un utopista ed è il primo ad ammetterlo, anche quando fa il 90 per cento di possesso palla pensa di poter andare oltre, un eterno insoddisfatto, insegue la perfezione».

CONTE – «Per Conte si è trattato di un inizio da zero, siamo partiti da una base molto bassa e probabilmente abbiamo costruito le fondamenta della casa. Antonio è una persona che, come ho scritto, ti fa entrare in un’altra connessione: ti dà tanto e pretende tanto. A volte ti esaspera, ma con lui fino alla morte. Secondo me ha creato proprio quella compattezza che è stata una base importante per la Juve».

SCUDETTO – «La Lazio? Perché tutti danno l’Inter per morta? Conoscendo l’allenatore e i giocatori, non la trascurerei, in un mini campionato matto 9 punti sono niente. E se batte la Samp in casa i punti scendono a sei. Certo, la Lazio sta facendo un percorso bellissimo. Luis Alberto, Milinkovic e Ciro sono poesia. Si godano questo momento, ma non in eterno».

QUARANTENA – «La speranza di tutti noi è che venga tolta la quarantena. Le cose sono cambiate radicalmente, a metà maggio si potevano chiedere delle cose, a inizio giugno anche, ma il 20 giugno no. Devono togliere questo ostacolo. Il positivo può realisticamente saltar fuori, ci sono mille persone intorno a una squadra, ma altrettanto realisticamente si deve proseguire, la malattia ha un’evoluzione incoraggiante. Certo diventa difficile decidere. Boris Johnson ha detto ai suoi chi se ne frega, prepariamoci a piangere i nostri morti e in seguito ha cambiato strategia, in Svezia sono andati avanti senza ripensamenti. La speranza è che ci permettano di completare la stagione».

MALIZIA – «La malizia è accentuare un contatto, oppure aspettare l’avversario che arriva e spostare la palla all’ultimo per subire fallo. Quanti giocatori… Di Natale te la faceva vedere fino all’ultimo, poi la spostava all’improvviso, tu mettevi il piede ed era fallo. Così fanno i grandi campioni, pensa al rigore di Ronaldo col Genoa: ha aspettato il momento giusto, spostato la palla, intervento del difensore, rigore. E’ il calcio. Se l’attaccante è più furbo di me, gli dico bravo».

CATTIVERIA – «Ecceduto? E’ capitato, mai con cattiveria, quella mai. Io mi reputo un buono, che non significa un santo. Entrare per far male, inammissibile. Mi è capitato di far male a qualcuno e ci son rimasto molto male. L’avversario è un giocatore come te».

RONALDO – «Il primo anno una scoperta, un boost incredibile, un entusiasmo contagioso, è arrivato il messia, uno dei messia del calcio, come è stato con Pelé e Maradona così è con Cristiano e Messi. Ci ha alzato il livello non appena si è presentato, non a caso abbiamo fatto una stagione sensazionale fino alla conquista dello scudetto. Un ritmo difficilmente ripetibile. Un peccato essere arrivati ad aprile in quelle condizioni perché avremmo meritato di giocarcela alla pari fino in fondo anche in Champions. Quando hai uno così, devi giocare per lui, inutile nasconderlo. Cristiano è un valore aggiunto e va sfruttato come tale».

IBRAHIMOVIC – «Cristiano mi ha fatto una caterva di gol, però quello che mi è entrato nel cuore è Ibra. Siamo stati compagni, all’inizio, io giovanissimo cercavo sempre di confrontarmi con lui, lo seguivo ovunque, anche per accreditarmi agli occhi dei compagni e dell’allenatore. Accettare l’uno contro uno con Ibra significava guadagnare in rispetto. Non mi sono mai tirato indietro e da ogni sfida con lui sono uscito più forte e convinto, ha tirato fuori il meglio. Lo ammiro tantissimo».

TRE TROFEI – «Ma tanto noi andiamo avanti lo stesso… The Last Dance di Michael Jordan l’avete visto tutti. Io non ho ancora tanti balli a disposizione. Questo è un anno strano: fai la coppa Italia, bum. Chiudi il campionato, bum. Inizia il terzo capitolo, la Champions. Non so se sia meglio o peggio. Però non è facile arrivarci, eh! Meglio arrivare in finale e perderla che fermarsi prima. Io ci sono uscito agli ottavi e nel girone e ti assicuro che è poco divertente».

CONTRO BUFFON – «Ma no, guarda… A parte che siamo fratelli, e poi comunque abbiamo abitudini, passioni, formazioni differenti: sono convinto che ognuno di noi possa essere utile alla Juve o al calcio. Non c’è antagonismo, siamo complementari».

Condividi