Connettiti con noi

News

Chiesa-Juve senza obbligo di riscatto? Il vero rischio è un altro

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Chiesa Juve senza obbligo di riscatto? Il vero rischio è un altro e non ha a che vedere con la formula del trasferimento

Federico Chiesa ha voluto la Juventus almeno quanto la Juventus ha voluto lui. A Firenze ha mosso mari e monti, preso insulti e subito minacce pur di indossare – con un anno di ritardo rispetto alle sue aspettative originali – la maglia bianconera. Sostanzialmente gli importava solo di quello. La sua voglia di Juve e il suo carattere determinato si sono poi riversati in una prima stagione esplosiva. 14 gol e 10 assist sono tanti, sembrano ancora di più se si sottolinea che li ha fatti da esterno in un anno (ripetiamo, il suo primo alla Juve) in cui Madama non girava propio come una trottola. Qualche mese dopo la consacrazione internazionale dell’Europeo: tradotto gli occhi del mondo addosso, non le mani perché appunto Chiesa è della Juve e di separarsi, nonostante gli sfarzosi sondaggi estivi, non pareva minimamente il caso.

Obbligo o diritto di riscatto dalla Fiorentina

Il tragico inizio della stagione corrente della Juve ha invece finito per inghiottire anche il talento di Chiesa. Con Allegri la sensazione è che non si sia preso del tutto per questa cosa degli strappi random e della gestione dei momenti di gioco. Un po’ esterno, un po’ punta, un po’ stanco quindi pure infortunato e ci vediamo nel 2022. La piega degli eventi rischia persino di incidere sugli accordi in essere con la Fiorentina. Dopo il prestito biennale da 10 milioni, la Juve deve pagarne altri 40/50 in tre esercizi, obbligatoriamente alla realizzazione di almeno una delle seguenti tre condizioni:

La Juventus si piazza tra le prime 4 in campionato;

Chiesa disputa almeno il 60% delle partite per almeno 30′;

• Chiesa segna 10 gol e 10 assist;

Anche qualora decada effettivamente l’obbligo la Juve potrebbe comunque far valere l’opzione di diritto di riscatto che, nel caso, eserciterebbe senza ombra di dubbio. Possiamo quindi affermare con certezza che il riscatto di Chiesa dalla Fiorentina non sarebbe mai a rischio. Valutazioni diverse potrebbero essere fatte su quello che avverrà dopo.

Juve senza Champions e le sirene europee

Se realmente la Juventus non dovesse qualificarsi alla Champions, il club dovrebbe necessariamente preparaesi a importanti sacrifici economici. Difficile che uno di questi possa riguardare Chiesa (uno dei giocatori in cui la società crede di più), ma resta da capire quali siano i progetti e le ambizioni di un giocatore nel pieno della sua carriera che, come già abbondantemente dimostrato, gode di innumerevoli e ricchi estimatori. A quel punto non sarà più tempo di insulti e minacce, nella speranza che lo sia ancora di voglia di Juve.