Cobolli Gigli al veleno: «Ronaldo dice che va dalla mamma, poi lo vedi in piscina…»

© foto www.imagephotoagency.it

Giovanni Cobolli Gigli, ex presidente della Juve, ha rilasciato un’intervista, pungendo con le sue parole Cristiano Ronaldo

L’ex presidente della Juve, Giovanni Cobolli Gigli, ha rilasciato un’intervista a Radio Punto Nuovo, lanciando una frecciatina nei confronti di Cristiano Ronaldo. Di seguito riportate le sue dichiarazioni.

QUARANTENA – «Sono d’accordo con Marco Tardelli. Adesso è facile criticare, ma visto dall’esterno, non capisco perché questi giocatori sono andati via dall’Italia. Al ritorno di questi giocatori, spero il più presto possibile, sarà difficile riprendere perché dovranno fare una quarantena di 14 giorni. In casa Juve la cosa si è complicata quando è arrivato Ronaldo, che è stato il primo ad andar via, dicendo per la mamma e poi si mostra solo a prendere il sole con una mega piscina. A questo punto fatta la concessione a Ronaldo, anche Higuain doveva andare dalla mamma, qualcun altro doveva andare di qua e di là e la situazione è degenerata. Stile o non stile, non è una cosa che andava fatta, sarebbero dovuti restare in quarantena nell’albergo della Juventus, così come quelli dell’Inter sarebbero dovuti rimanere».

NOSTAGIA VECCHIA JUVE«Ho nostalgia dell’avvocato Agnelli, l’ho conosciuto, frequentato. Ho nostalgia di Umberto Agnelli e Boniperti che ha portato avanti una disciplina, mi ricordo di quando prendeva giocatori con i capelli lunghi e glieli faceva tagliare».