Condò: «La situazione è molto grave, siamo considerati appestati»

© foto www.imagephotoagency.it

Condò: «La situazione è molto grave, siamo considerati appestati». Il giornalista sull’emergenza Coronavirus

Paolo Condò è intervenuto a Sky Sport commentando la decisione di fermare il campionato e le varie questioni riguardanti le porte chiuse.

PORTE CHIUSE – «Giovedì è prevista una partita a porte chiuse che è Inter-Getafe, credo di aver capito che la partita europea potrebbe essere consentita. L’alternativa è reperire un campo neutro in un altro Paese e la Juve ci aveva provato ma la cosa non era stata possibile. Ora siamo un po’ considerati gli appestati. Per il momento Inter-Getafe si potrà giocare salvo smentite domani, l’Atalanta domani giocherà a porte chiuse, anche la Roma con il Siviglia… La situazione è estremamente grave. Noi stiamo stati considerati il problema a livello europeo, dalle cifre che leggo anche nel resto d’Europa purtroppo si stia diffondendo il contagio».

UEFA E EUROPEI – «La prima risposta la deve dare l’UEFA, se la situazione dovesse peggiorare, un rinvio degli Europei credo sia nell’ordine delle cose. Per il campionato italiano, anche la Coppa Italia, il problema sarebbe relativo. Non avendo la scadenza degli Europei, giochi fin quando puoi andare avanti. Non potendo rinviare gli Europei, o si ottiene una deroga per giocare fino ad una settimana dall’inizio degli Europei oppure il campionato dovrà essere interrotto prima della sua conclusione e prese delle decisioni riguardo alla classifica, promozioni, retrocessioni, accesso alle Coppe».