Connettiti con noi

Hanno Detto

Conferenza stampa Chiellini: «Non dobbiamo avere paura. Ecco le mie condizioni»

Pubblicato

su

Conferenza stampa Chiellini: le parole alla vigilia di Italia Macedonia, valida per i playoff dei Mondiali in Qatar

Giorgio Chiellini, difensore dell’Italia, parla alle 17.30 in conferenza stampa alla vigilia della sfida playoff Mondiale contro la Macedonia. Juventusnews24 segue le sue parole.

MONDIALE – «A novembre, quando non siamo riusciti ad andare diretti al Mondiale, c’è stata delusione, è inutile negarlo. Non c’è però una eccessiva tensione, altrimenti ti blocca solo. Non dobbiamo fare nulla di straordinario, nulla che non sappiamo fare».

AMBIENTE – «Quello di domani sarà un bellissimo ambiente, abbiamo tutti una grande voglia di giocare. Volevamo già giocarla 10 giorni dopo quella di novembre, ma stiamo bene. Sappiamo cosa dobbiamo fare».

PERCORSO «In questi mesi siamo stati sfortunati e potevamo fare meglio con la Bulgaria, mentre con la Svizzera le abbiamo meritato entrambe e meritavamo di vincere. Ci vuole umiltà, ma nulla di straordinario per rifare ciò che abbiamo fatto a Wembley. La Macedonia non è qui per caso, ma noi dobbiamo solo essere noi stessi e giocare a calcio. Ma è il nostro percorso negli ultimi tre anni e mezzo, né più né meno. Se giochiamo come sempre fatto il risultato lo raggiungeremo. Chi ha vissuto l’esperienza di 4 anni fa saprà gestire bene le emozioni».

CONDIZIONE – «Io sto bene, ho recuperato».

CARRIERA – «Un Mondiale fatto bene? Non serve, ma mi dispiacerebbe non esserci. Vediamo di chiudere in bellezza e di disputare un buon Mondiale: vogliamo andare in Qatar, come noi tanti tifosi. Qui c’è grande entusiasmo, lo percepiamo da quando siamo arrivati».

PRONTO PER LA MACEDONIA – «Sto bene, vediamo cosa dirà l’allenamento di oggi. Mi sono allenato bene, non ho fastidi o timori. Poi si possono fare tante scelte, anche se noi dobbiamo pensare a domani e punto. Sono contento di star bene e di essere sereno nell’allenarmi, già visto l’ultimo mese è importante».

APPROCCIO – «Facciamo in modo che questa partita non entrerà nella storia… Noi siamo una squadra forte, dobbiamo giocare con la giusta convinzione e quel pizzico di presunzione. Non dobbiamo avere paura, né il braccino corto. Godiamoci questa atmosfera».

RINVIO ULTIMA GIORNATA – «L’appoggio c’è sempre stato, la verità è che questi calendari così intasati non sono semplici da spostare. Nonostante gli sforzi fatti dalla federazione, non ho mai pensato che l’ultima giornata potesse essere spostata. Le energie le abbiamo, non vi preoccupate».