Conferenza stampa Maran post Juve Cagliari: le parole del tecnico

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Conferenza stampa Maran post Juve Cagliari: il tecnico rossoblù parla della prestazione della squadra al termine del match

Rolando Maran, allenatore del Cagliari, parla in conferenza stampa al termine del match di campionato tra i rossoblù e la Juve. Di seguito riportate le sue dichiarazioni.

ANALISI – «Nel secondo tempo eravamo entrati meglio che nel primo, ma con queste squadre non devi sbagliare niente. La Juve ci è venuta a prendere dove noi costruiamo il gioco, la partita la stavamo comunque controllando. Peccato per com’è andata».

ASPETTI POSITIVI«Quando vieni a Torino devi riuscire ad andare vicino alla perfezione, noi in fase di possesso sapevamo di dover far meglio. La personalità c’è stata, ma dovevamo fare quelle giocate utili per far correre indietro la Juve. Fino al gol non avevamo concesso nulla, eravamo compatti. Nel secondo tempo, con più precisione, potevamo fare di più in fase di possesso. Peccato, senza quel gol subito potevamo vedere come si metteva la partita».

WALUKIEWICZ«La nota positiva è il suo esordio, non era facile giocare qua contro la Juve. Si è fatto trovare sempre pronto».

SCONFITTA – «Deve influire in maniera positiva, già nella prossima gara contro il Milan. Quando trovi squadre del genere come la Juve, diventa difficile se commetti degli errori. Ci deve dare rabbia, fame, sangue agli occhi».

CAMPANELLO D’ALLARME«Credo ci siano dei momenti in cui gira in un modo rispetto che in un altro. Se vai a Torino e vai sotto con una rete del genere, poi prendi un rigore, ci può stare che vada così. Al di là dell’appannamento di Udine la squadra ha sempre cercato di fare bene ovunque, di giocare le partite e provare a vincerle. Ultimamente ci sta girando meno bene, dobbiamo sicuramente cercare di farla andare meglio».

UDINESE – «Con l’Udinese probabilmente l’abbiamo pagata. Oggi abbiamo giocato, sapevamo che dovevamo essere perfetti e non lo siamo stati».

JUVE – «Sono stati bravi a sporcarcela tanto e questo ci ha condizionato tanto. Quando ti ritrovi una squadra che gioca con così tanta esperienza, diventa difficile proporsi e andarla a giocare nella loro metà campo».

Condividi