Conferenza stampa Pirlo: «Contro lo Spezia per portare a casa punti» – VIDEO

Iscriviti

Conferenza stampa Pirlo: le parole del tecnico alla vigilia di Spezia-Juve, sfida valida per la 6ª giornata di Serie A

Dopo i pareggi contro Crotone e Verona, la Juve affronterà lo Spezia nella 6ª giornata di Serie A. Appuntamento domenica pomeriggio alle 15, con i bianconeri che vogliono tornare alla vittoria.

Nel giorno di vigilia, sabato 31 ottobre, Andrea Pirlo è intervenuto in conferenza stampa alle 14.00 per presentare l’incontro. Juventus News 24 ha seguito LIVE le sue dichiarazioni.


CRISTIANO RONALDO – «E’ andato tutto bene, è arrivata la negatività del secondo tampone e stamattina si è allenato individualmente. Partirà con la squadra».

DE LIGT – «Purtroppo deve aspettare ancora una settimana. Sta andando tutto bene, ma per essere sicuro l’ortopedico ha detto di aspettare».

BONUCCI – «Ieri ha lavorato a parte, oggi con la squadra. Ci sarà. Chiellini invece non è convocato perché continuerà il suo lavoro di recupero».

RONALDO TITOLARE – «Non credo che partirà dall’inizio. L’importante è averlo: si è allenato a casa, ed è talmente importante che ce lo portiamo con noi».

SPEZIA – «Sarà difficile, giocheremo con una neopromossa che sta facendo bene. Conosco Italiano visto che abbiamo fatto il corso da allenatore insieme. So che tipo di squadra imposta e come vuol far giocare. Dovremo fare una bella partita e portare a casa punti perché è importante per il nostro percorso».

MANCA SOLIDITA’ – «Manca la reattività nel recupero palla. In fase difensiva abbiamo subito meno gol dietro al Napoli. Stiamo proponendo un gioco più offensivo, quindi è normale qualche occasione in più per gli altri. Miglioriamo giorno dopo giorno per trovare l’assetto migliore».

CENTROCAMPO – «Ci vuole l’amalgama tra i giocatori, ci vuole tempo anche per capirsi e trovare le giuste distanze. Sul fatto della riaggressione ci stiamo lavorando, deve scattare nella testa dei giocatori».

QUALCUNO IN ATTACCO CHE DEVE RECUPERARE – «Qualcuno magari deve recuperare un po’, ma anche Ramsey non è al meglio dopo Kiev. E’ un po’ al 50% e lo portiamo via. Gli altri hanno giocato tanto, ci sarebbe qualcuno che deve recuperare ma devono giocare per forza».

CAMBIAMENTO E RISULTATI – «Vanno di pari passo. Su 70 giorni che sono qua ho allenato 22/23 giorni perché gli altri sono stati in Nazionale. Abbiamo avuto poco tempo e non con tutti i giocatori. E’ normale che ci sia qualche cosa di non capita al 100%. Siamo contenti non dei risultati ma dell’approccio dei giocatori».

SOTTO PRESSIONE – «Non sono sorpreso. Lo sono stato anche da giocatore, quindi non mi sorprende anzi mi fa venire voglia di fare sempre meglio e di fare ciò che ho in testa. Sono tranquillo, continuerò a fare il mio lavoro».

DYBALA – «È solo una questione fisica. La prima al rientro la fai bene, la seconda fai più fatica. Ha bisogno di trovare il ritmo, non pensa alle voci di rinnovo ma solo a fare bene».

LEGGI ANCHE: La conferenza stampa di presentazione di Federico Chiesa

Condividi