Conferenza stampa Sarri post Cagliari-Juve: le parole del tecnico

© foto www.imagephotoagency.it

Conferenza stampa Sarri post Cagliari-Juve: il tecnico bianconero parla della prestazione della squadra al termine del match

Maurizio Sarri, allenatore della Juventus, parla in conferenza stampa al termine del match di campionato tra i bianconeri ed il Cagliari.

LA GARA – «Abbiamo fatto 6 cambi, ma penso sia 100% frutto di un calo fisiologico, abbiamo vinto un campionato nemmeno 70 ore fa, è chiaro che il livello di attenzione non poteva essere comprensibilmente quello giusto in questa partita».

VERSO LIONE – «Questa partita mi preoccupa zero perchè ha delle prerogative mentali completamente differenti rispetto a quello che succederà con il Lione. I gol subiti? Quest’anno ne abbiamo subito più del dovuto, quindi può essere un aspetto preoccupante, non certo questa partita».

GIOCARE CON L’U23 – «Una provocazione. Se la Lega ci mette in queste condizioni, di giocare 5 partite in 12 giorni anzichè in 15 come era facilmente fattibile, è chiaro che noi dobbiamo trarne le conseguenze. Vediamo la condizione dei giocatori, se i giocatori hanno bisogno di riposo, allora giocano gli Under 23».

CRISTIANO RONALDO – «Giocando ogni 3 giorni, coloro che giocano di più il giorno prima della gara vengono a parlare con me. Io parlo poi con i medici per farmi dare i dati di recupero. Cristiano ieri era carico, pieno di entusiasmo e voglioso di giocare. Oggi ha provato a segnare, quindi era giusto che giocasse».

DYBALA – «Dybala è un grandissimo giocatore, quando manca uno come lui nessuna squadra è in grado di giocare come al solito. Però al suo posto ha giocato Higuain, non è che non abbia giocato un giocatore non di livello al suo posto. Oggi era impossibile anche con Dybala perchè sarebbe stato nelle condizioni mentali di tutti gli altri».

RECUPERO DYBALA COL LIONE – «C’è una piccola speranza di recuperarlo, vediamo gli sviluppi nei prossimi giorni. Vediamo se saremo in grado di recuperarlo ma poi si dovrà valutare se potremmo utilizzarlo per uno spezzone di partita o per 90 minuti».

RIPOSO – «Dobbiamo riposarci. Il miglior allenamento adesso è il riposo».

GIOIA SCUDETTO – «Non me l’ha rovinata. Chiaro che non si perde mai volentieri però quello sarebbe troppo».

CAGLIARI – «Classifica diversa? Non lo so, bisognerebbe seguirlo con più costanza. Analizzandolo da fuori c’ha una ripartenza di grandissimo livello, una fase di declino importante. Mi sembra che stiano di nuovo giocando molto bene. Probabilmente bisognerà capire qual è la verità di questa squadra: se è quella scintillante dell’inizio o quella più in difficoltà di metà stagione».

34 TIRI SENZA GOL – «Che dato è? Che non abbiamo mai preso la porta. E dentro potrebbe esserci quella mancanza di cattiveria di cui si è parlato prima».

RONALDO E IL GOL – «Chiaro che Ronaldo è entrato in campo con una voglia immensa di far gol e per quello magari ha forzato qualche conclusione. Questa sua voglia di centrare l’obiettivo magari ha portato ha qualche singola scelta sbagliata, ma nel complesso sono sempre positive».

Condividi