Connettiti con noi

News

Cristiano Ronaldo-Inter: dalla maglia di Di Biagio a quella promessa con Ferguson

Pubblicato

su

Cristiano Ronaldo Inter: dalla maglia di Di Biagio a quella promessa con Ferguson. Ecco i precedenti del portoghese contro i nerazzurri

Inter-Juve rappresenta da sempre una partita fuori dai semplici canoni per importanza, blasone, rivalità tra le due squadre. Un testa a testa che si configura anche nel “legame” da avversario di Cristiano Ronaldo con i nerazzurri. Alcuni step della carriera del fuoriclasse portoghese lo accomunano proprio all’Inter, soprattutto negli inizi allo Sporting Lisbona, con CR7 che fu anche ad un passo dal vestire la maglia interista…

Cristiano Ronaldo-Inter: il battesimo europeo contro i nerazzurri

Era il 14 agosto 2002, e il mancato Scudetto del celebre 5 maggio fece perdere all’Inter la possibilità di qualificarsi direttamente ai gironi di Champions League. Per centrare l’accesso alla competizione, i nerazzurri dovevano superare l’ostacolo Sporting Lisbona. La partita d’andata in terra portoghese si concluse 0-0, ma al 58′ fece il suo debutto in Champions proprio Cristiano Ronaldo, destinato a diventare qualche anno dopo il miglior marcatore della storia della competizione.

In un’intervista a Il Posticipo, Jimmy Fontana (ex portiere dell’Inter, in panchina in quella partita) raccontò questo aneddoto: «Era lo spareggio per andare in Champions: quando entrò in campo, tutti quanti ci siamo chiesti che cosa lo avesse spinto a portare quel nome così impegnativo. Quando vedi entrare un ragazzino con la scritta Ronaldo sulle spalle pensi che per tutta la vita dovrà convivere con un paragone scomodo. Dopo la gara venne nel nostro spogliatoio: educatissimo, chiese a Gigi Di Biagio di scambiare la maglia. Quel cognome invece gli ha portato bene, col passare degli anni ci siamo resi conto che in quella partita aveva esordito un ragazzo che avrebbe scritto la storia del calcio».

Ecco la piccola curiosità. Fu Di Biagio uno dei primi a “collezionare” la maglia di CR7 nel proprio armadio. «Ho a casa la maglia di Ronaldo perché mi chiese la mia alla fine della partita contro il suo Sporting Lisbona – dichiarò proprio di Biagio a Premium Sport -. A dire il vero io avevo intenzione di fare lo scambio con Pedro Barbosa, che era il capitano dei portoghesi, ma vidi questo bambino che me la chiese e ad un bambino non si può certo dire di no. Adesso mio figlio è contentissimo perché ha la maglia indossata da Ronaldo a casa».

Cristiano Ronaldo vicino all’Inter? Decisiva la promessa a Ferguson

Le strade tra Cristiano Ronaldo e l’Inter, però, si sarebbero potute unire nel corso della sua carriera. All’età di 18 anni, quando vestiva la maglia dello Sporting Lisbona, CR7 era corteggiato da Barcellona, Valencia, Manchester United e proprio dai nerazzurri. Alla presentazione del docu-film della sua vita, Ronaldo spiegò la sua decisione: «Nutro una grande passione verso lo United. Quello che Jorge ha fatto per me quando avevo 18 anni è stato un sogno. Quando Ferguson mi voleva aveva detto che avrei giocato il 50 per cento delle partite, cosa incredibile. Ho preso questa decisione perché Jorge mi ha aiutato. Ma anche la promessa di Ferguson è stata fondamentale».

Cristiano Ronaldo contro l’Inter: i numeri del portoghese da avversario

Il cammino di Cristiano, però, è sempre rimasto separato dai colori nerazzurri. Anzi, all’arrivo alla Juventus, il fuoriclasse portoghese si è sempre dimostrato decisivo negli scontri diretti con l’Inter. Nel 2019, infatti, Ronaldo è diventato il quarto giocatore della storia bianconera a segnare in entrambe le trasferte milanesi. Prima di lui ci erano riusciti David Trezeguet (2000/01), Marco Di Vaio (2003/04) e Gonzalo Higuain (2017/18).

Per quanto riguardo il bilancio personale contro l’Inter, CR7 ha disputato sette partite totali contro i nerazzurri in carriera, vincendo in quattro occasioni e pareggiando in tre. Mai una sconfitta nei suoi numeri da avversario. 2, invece, i gol realizzati, e 1 assist a completare la statistica.

LEGGI ANCHE: Retroscena Conte-Pirlo: «La Juve non è centro per pensionati»