Douglas Costa, quando la samba diventa la grande bellezza

douglas costa
© foto www.imagephotoagency.it

Romantico, folle, anarchico, visionario, Douglas Costa. Quando il calcio diventa poesia, quando la Juventus comprende il valore del bello, quando la samba diventa la grande bellezza

C’è un momento di Juventus-Torino che ci ha meravigliosamente migliorato la serata. Non il primo gol, non il secondo, non l’espulsione di Mihajlovic anche se quella non è stata niente male. Il frame della partita che ci ha fatto veramente innamorare è un altro: il tunnel di Douglas Costa su Daniele Baselli. Una leccornia. Un palla c’è-palla non c’è da guardare cento volte, forse mille. È la naturalezza, la semplicità del gesto che esalta. Parliamone: è una cosa che, generalmente, un giocatore della Juventus non è portato a fare, almeno per un paio di motivi. In primis perché non è strettamente utile e quindi riconducibile ai canoni del pragmatismo e della concretezza bianconeri. In secondo luogo perché Allegri, se sbagli una cosa del genere, inizia a strillare: “Giocaaa sempliceeee” e al solo pensiero la voglia va via e non ritorna più. La giocata ha quindi un retrogusto anarchico e estraniante rispetto all’organizzato contesto. E la cosa ci è piaciuta da impazzire.

Douglas Costa è uno dei migliori tre esterni del mondo perché è folle. Ma è folle bene. Fa cose che gli altri non concepiscono perché pensa fuori dagli schemi, vede oltre. E lo fa con tale convinzione e qualità che alla fine risulta, per forza di cose, geniale. È il classico giocatore per cui impazziscono i bambini: maledettamente divertente a vedersi, ad ammirarsi, meglio. E poi perderà un pallone o un tempo di gioco di troppo ma importa sino a un certo punto, perché l’intento era magnifico almeno quanto romantico. Elastici, finte di corpo, accelerazioni, giochi di prestigio a volte possono essere più appaganti persino di un gol. Anche alla Juventus, dove vincere è l’unica cosa che conta. Dove Mandzukic sarà sempre il titolare perché più sobrio e pulito nel compito tattico.

La ricerca è quella del compromesso. Tentare di far coesistere la sregolatezza nel perfetto algoritmo, ma non è semplice. Allegri ci prova da mesi con risultati alterni, ora discreti. È il famoso “adattamento di Douglas Costa al calcio italiano” di cui avete tanto sentito parlare nelle ultime settimane. Il problema vero è che Douglas si può cambiare fino a un certo punto. A uno così il cuore batte a ritmo di samba. E puoi anche romperti la testa tentando di inculcargli le diagonali difensive e i raddoppi: a volte li farà, a volte li farà di meno; non è quel tipo di giocatore che segue passo passo le indicazioni di un allenatore. Questo brasiliano è un artista, uno spirito libero, una variabile non calcolata. Il buon Max dovrà cercare di guidarne il talento senza imprigionarlo. Tentare di accettarne il folklore e il colore. Così, la prossima volta che Douglas Costa tenterà un’estemporanea bicicletta in mezzo al campo, qualcuno, in zona panchina, non darà in escandescenza. Ma piuttosto borbotterà meravigliato: “Maremma, che giocata…”. In toscano strettissimo.