Erika non ce l’ha fatta: il cordoglio della Juve per la vittima di Piazza San Carlo

piazza san carlo torino giugno 2017
© foto Massimo Pinca

La 38enne Erika Pioletti ebbe un arresto cardiaco che si è rivelato fatale a causa del delirio che si verificò durante la finale di Champions

Di fronte a una tragedia simile, la finale persa passa in secondo: la notizia più terribile dei drammatici fatti accaduti in Piazza San Carlo la sera del 3 giugno, infatti, è arrivata ieri sera. Precisamente alle 21.56, infatti, Erika Pioletti è stata dichiarata morta dai medici dell’ospedale San Giovanni Bosco di Torino, dopo un calvario durato 12 infiniti giorni.

LA DINAMICA – La donna, 38enne di Domodossola, era subita apparsa la più grave tra gli oltre 1500 feriti della tragica notte di Piazza San Carlo. Travolta dalla folla in fuga mentre assisteva alla finale di Champions tra Juve e Real Madrid, Erika ha avuto un arresto cardiaco a causa dello schiacciamento della cassa toracica. Portata d’urgenza nel reparto rianimazione al Giovanni Bosco, la situazione si è subito rivelata critica, tant’è che i medici hanno fin da subito dato poche speranze ai suoi parenti.

IL DRAMMA – La situazione non è migliorata nelle interminabili notti di ricovero e, purtroppo, Erika non ce l’ha fatta ed ha lasciato i suoi cari ieri sera nello stesso letto di ospedale quasi due settimane dopo. I tifosi juventini, attraverso i canali social, l’hanno voluta ricordare come la quarantesima vittima dell’Heysel, commemorando insieme alla sua scomparsa anche i supporters bianconeri morti in occasione della finale di Champions del 1985. Sul proprio profilo twitter, invece, la Juve ha postato un messaggio di cordoglio nei confronti di Erika ed ha retwittato quelli di alcuni pilastri della Vecchia Signora, quali Bonucci, Buffon e Marchisio.

Articolo precedente
matuidiJuve, se salta N’Zonzi sono già pronte le alternative: ecco quali
Prossimo articolo
Dani Alves consiglia a Dybala di lasciare la Juve – VIDEO