Foschi: «Si doveva giocare a porte chiuse, insensato spostare a maggio»

© foto www.imagephotoagency.it

Foschi: «Si doveva giocare a porte chiuse, insensato spostare a maggio». L’ex dirigente sulla questione della rinvii della Serie A

Rino Foschi, a lungo dirigente di Serie A, ha parlato delle decisioni prese dalla Lega sui rinvii causa emergenza Coronavirus.

RINVII«Spostare le gare al 13 maggio non ha senso. Sappiamo che le ultime partite devono essere giocate in contemporanea per l’equilibrio del campionato e se l’emergenza dovesse proseguire? Giocare a porte chiuse ci avrebbe permesso di fare una bella figura. Penso che molti dirigenti abbiano sbagliato. Giocare quelle cinque partite era importante, anche a porte chiuse. L’epidemia non si fermerà oggi o domani e i diritti tv sarebbero comunque rispettati. Qui c’è di mezzo la salute della gente».