La Juve risponde all’appello del Notts County: Agnelli offre le maglie

agnelli
© foto www.imagephotoagency.it

Il Notts County, club che fornì le prime maglie a strisce bianconere alla Juve, aveva chiesto aiuto al club. La risposta è stata immediata

Una bella storia di sport collega Nottingham a Torino. Ieri, il Notts County, aveva chiesto aiuto alla Juve perché, in piena difficoltà economica, non riusciva ad acquistare le maglie da gioco. Perché l’appello era arrivato proprio al club torinese? Perché, 117 anni fa, proprio dalla squadra inglese arrivarono le maglie a strisce bianconere, che la Vecchia Signora indossa ancora oggi.

La squadra di Nottingham aveva allora pensato di chiedere lo stesso favore, più di un secolo dopo. La risposta non si è fatta attendere: come si legge su Tuttosport, Agnelli ha subito offerto le maglie bianconere alla squadra che ha aiutato la Juve in un momento di difficoltà, nel 1902. Il presidente ha chiamato Adidas, chiedendo di fornire materiale da gioco. Il Notts ha dovuto però rifiutare l’offerta per evitare di pagare una penale con la Puma, sponsor dei completini di gioco del club inglese, che aveva interrotto la fornitura a causa dei mancati pagamenti, ma con la quale esiste comunque un accordo.

Nonostante non sia andata in porto, rimane comunque una bella storia di sport, amicizia e soprattutto riconoscenza, nonostante siano passati 117 anni.