Juve-Inter: le tre cose che non hai notato

de ligt
© foto www.imagephotoagency.it

Juve Inter: le tre cose che non hai notato del match dell’Allianz Stadium. Gli episodi più curiosi sfuggiti all’attenzione dei più

Juve-Inter: le tre cose che non hai notato. Oltre la vittoria, oltre lo stato di emergenza, oltre l’assenza dei tifosi. Tre episodi sfuggiti all’attenzione dei più.

1. Prima Ronaldo, poi De Ligt: meglio prenderla col sorriso

Niente tifosi all’Allianz Stadium per Juve Inter: scenario triste? Un pochino sì. Cristiano Ronaldo nel pre partita preferisce sdrammatizzare. Prima fingendo di battere il cinque ai tifosi immaginari, poi applaudendo la tribuna vuota. De Ligt fa quasi meglio dopo il triplice fischio: esultanza sotto la curva deserta. Col sorriso.

2. Sarri capo ultras: la panchina risponde presente

Maurizio Sarri così non l’avevate mai visto. Scatenato ai gol di Ramsey e Dybala, nei minuti finale aizza la panchina per sostenere la squadra. Richiesta prontamente accolta. Capo Ultras.

3. Paratici si abbraccia Higuain

Partita di puro sacrificio per il Pipita che sgomita e si immola in ripiegamento su Brozovic. A fine partita Paratici se lo abbraccia e gli sussurra qualcosa all’orecchio. E Gonzalo sorride. Grazie.