Juve, Pirlo riparte da loro dopo la sosta: tre buone notizie lo fanno sorridere

© foto www.imagephotoagency.it

Juve, da dove può ripartire Pirlo dopo la sosta: ci sono tre buone notizie a far sorridere l’allenatore bianconero in vista dei prossimi impegni

Weekend di sosta per la Juve di Andrea Pirlo, ancora in attesa di conoscere l’esito del Giudice Sportivo sulla sfida contro il Napoli. I bianconeri stanno osservando tre giorni di riposo concessi dal loro allenatore, ricaricando così le pile in vista dei prossimi impegni. Sarà una Juventus diversa dopo la pausa per le Nazionali, soprattutto dal centrocampo all’attacco: Pirlo, infatti, potrà contare su tre buone notizie, che gli permetteranno di cambiare volto al proprio assetto tattico.

Juve dopo la sosta: cosa cambia per Pirlo in attacco

La prima buona notizia è rappresentata da Paulo Dybala. Dopo essere tornato ad allenarsi in gruppo lo scorso 23 settembre, la Joya è stata inserita nell’elenco dei convocati per il match con la Roma, senza scendere però in campo. L’indizio, però, è arrivato dalla sfida non disputata contro il NapoliDybala, infatti, era stato schierato titolare nell’undici di Andrea Pirlo, dando così un chiaro segnale sul pieno recupero del giocatore. L’argentino potrebbe prendere posto in avanti, nell’attacco a due pensato dal Maestro, sia in coppia con Cristiano Ronaldo e sia con Morata.

Centrocampo Juve: quali novità per Pirlo dopo la pausa

È a centrocampo, però, che Pirlo potrebbe sbizzarrirsi di più nelle sue scelte, a partire dall’ultimo arrivato: Federico Chiesa. Il nuovo acquisto dalla Fiorentina, arrivato sul gong finale di calciomercato, non ha ancora tastato con mano l’ambiente Juve, prendendo un biglietto per ora di sola andata destinazione Coverciano. Qui l’esterno classe ’97 ha avuto fitti e scherzosi colloqui con i suoi nuovi compagni, Bonucci e Chiellini, utili ad entrare ancor di più nella mentalità bianconera. Con Chiesa Pirlo avrà un’arma in più da schierare nel suo quartetto di centrocampo, con l’ex viola che andrà a dare più soluzioni sulle corsie laterali.

Con Chiesa da una parte, la corsia opposta potrebbe vedere il ritorno di Federico Bernardeschi. È quello di esterno sinistro l’abito che Pirlo vuole cucire addosso al talento di Carrara, come rivelato in conferenza stampa: «Può fare tutta la fascia. Da trequartista non lo vedo, e lui è d’accordo con me. È in fascia che dovrà dare il meglio». Una nuova veste per l’ex Fiorentina, atteso da una stagione di riscatto dopo l’annata tra luci e ombre sotto la guida Sarri. Lesione di medio grado del muscolo retto femorale della coscia sinistra: era questo il bollettino dell’infortunio rimediato in Nazionale lo scorso 2 settembre, con Bernardeschi che settimana scorsa è rientrato parzialmente in gruppo con i compagni, dando un primo segnale di ripresa.

Chi attende una chance da protagonista in mezzo è Arthur. Il brasiliano ha osservato dalla panchina la gara d’esordio contro la Sampdoria, disputando invece una manciata minuti nella seconda sfida con la Roma. «Viene da 6 mesi di inattività, non giocava a Barcellona per problemi con la società. Arrivare in un campionato diverso fa sì che ci voglia tempo, sta lavorando tutti i giorni per migliorare e lo vedremo in campo»: così aveva catechizzato Pirlo in conferenza stampa sul centrocampista, predicando tempo per il suo inserimento. Arthur sta continuando a lavorare, in attesa di sfruttare le occasioni concesse…

Difesa Juve: Demiral scalpita per tornare in campo

Una grossa perdita nella scorsa stagione nel fiore del suo momento di forma. Merih Demiral ha vissuto un’annata sfortunato lo scorso anno, riscrivendo le gerarchie di Sarri e prendendosi con merito il posto da titolare. L’infortunio al crociato, poi, ha frenato momentaneamente il suo percorso di crescita, con il rientro in campo soltanto nelle ultime partite dell’anno. Quest’anno Demiral non è ancora sceso in campo con la Juventus, giocando invece con la sua Turchia. Il difensore classe ’98 scalpita per riprendersi il posto tra i centrali bianconeri…

LEGGI ANCHE: Pirlo ne è rimasto impressionato: «Ormai lo ritiene fondamentale»

Condividi