Juventus Women, coach Guarino: «Siamo pronte. Peccato per la Rosucci»

© foto www.imagephotoagency.it

Coach Rita Guarino e il capitano Sara Gama parleranno a Vinovo alla vigilia del match di Women’s Champions League

Il primo appuntamento ufficiale della stagione sarà anticipato da una conferenza stampa. Sarà la prima dell’avventura della Juventus Women in campo europeo. Martedì alle ore 14, infatti, parleranno a Vinovo coach Rita Guarino e il capitano Sara Gama. Mercoledì, allo Stadio Silvio Piola di Novara, le bianconere faranno il loro esordio in Women’s Champions League contro le danesi del Brøndby.


Coach Guarino

UWCL – «Sicuramente c’è un bel gap tra le squadre italiane e quelle europee che militano nella Uefa Women Champions League. Noi cercheremo di colmare questo gap. La nostra Champions parte subito con un match importante»

ROSUCCI – «L’assenza di Martina Rosucci per infortunio è un brutto colpo per noi. Martina è una leader in campo e negli spogliatoi. Abbiamo comunque altre calciatrici che possono giocare nel suo ruolo, e ho anche qualche altra soluzione tattica»

PRESENZA PUBBLICO – «Non ho dubbi che i sostenitori arriveranno in grande numero anche a Novara per sostenerci domani sera, proprio come hanno fatto nella scorsa stagione play-off vittoria contro Brescia»


Sara Gama

PARTITA – «Domani sarà un giorno storico per noi e siamo completamente focalizzate e concentrate sul match che ci aspetta»

GRUPPO – «L’incredibile convivenza di questo gruppo è un nostro vero punto di forza. Il fatto che la spina dorsale del nostro team sono stati qui la scorsa stagione ci permette di continuare il nostro sogno che è iniziato un anno fa. Il nostro spirito di squadra ci può sostenere attraverso momenti difficili nei giochi»

PARTITA – «Avrò l’opportunità di giocare in Champions League già e vi posso assicurare che queste sono partite in cui si deve essere completamente preparato, ogni avversario è estremamente competitivo a questo livello»

Articolo precedente
juventus womenJuventus Women, Sanderson dà un calcio all’omofobia e ringrazia la Juve
Prossimo articolo
Juventus Women, ecco come giocano le danesi del Brondby