Juventus Women: la CeR7 del fronte femminile è già in piena condizione

© foto www.imagephotoagency.it

Valentina Cernoia è il primo acquisto della Juventus Women in questa nuova stagione: geometrie, assist e giocate decisive

Tanti assist come se piovesse. E quel numero sette sulle spalle che non pesa, anche se dall’altra parte del fronte appartiene al numero uno al mondo. Valentina Cernoia non deve faticare per prendere in mano la Juventus Women, bensì mettere a disposizione delle compagne tutta la sua qualità. Lo sa bene Rita Guarino, che la volle fortemente nella sua scuderia un anno. E lo sa bene il club, che non ha ritoccato la rosa nel suo ruolo volendo puntare tutto su di lei.

Valentina e quel numero sette di Cristiano Ronaldo

Valentina è il faro delle bianconere. Geometrie, assist e giocate decisive, come una vera e propria numero uno. Una bella responsabilità essere la versione femminile di quel Cristiano Ronaldo che fa andare a ruba la maglia numero sette, ma anche una bella soddisfazione per chi, come lei, ha vissuto momenti difficili a causa di un pesante infortunio, e che adesso è pronta per rilanciarsi a livello europeo, insieme alla squadra. L’ultima uscita in amichevole con l’Orobica è stato un chiaro segnale di quanto il suo contributo possa essere decisivo per la formazione bianconera in questa nuova annata, non solo per i cinque assist fatti nel corso dei novanta minuti di gioco.

Valentina Cernoia è il primo acquisto della nuova stagione

Valentina Cernoia, già in una condizione brillante, è il primo acquisto della nuova stagione della Juventus Women, la prima storica nella Women’s Champions League. Con un infortunio che appartiene ormai al passato, la maglia numero sette sulle spalle e un futuro a tinte bianconere tutto da scrivere. Ripartendo, ovviamente, da quel gol propiziatori messo a segno a conclusione della passata stagione, che ha dato inizio a un nuovo ciclo della sua carriera.

Articolo precedente
canceloCancelo, questa è la strada giusta: grande prestazione del portoghese
Prossimo articolo
Gianluigi Gentile: «Vi racconto Marchisio da piccolo» – ESCLUSIVA