Liverani polemizza: «Era un bel campionato, ma questa decisione è stata sbagliata»

© foto www.imagephotoagency.it

Fabio Liverani, allenatore del Lecce, ha parlato dopo la sconfitta contro l’Atalanta dei rinvii nella 26ª giornata di Serie A

Nel post partita di Lecce Atalanta, Fabio Liverani ha commentato così la decisione della Lega Serie A di rinviare cinque partite della 26ª giornata, tra cui Juve Inter. Di seguito riportate le sue dichiarazioni.

RINVII«Io credo che ci sono delle priorità in questo paese. La priorità della salute è decisa dal Governo. Il Governo ha deciso di giocare a porte chiuse in certi ambienti. Io mi adeguo a quello che dico, dopo di che tempi e modi sono non da calcio. Terzo: se si decide di non dover disputare cinque gare, la Lega di Serie A, che è garante di 20 squadre e non di quattro, sei, otto, dieci, la cosa più ideale era di far slittare di una giornata e trovare un turno infrasettimanale. Nel momento in cui la Lega ufficializza una data, non è veritiero dire che la Lega può rintervenire. Lo statuto dice che la Lega ufficializza una data, la decisione di spostare o no tocca direttamente ai club. In automatico, se io una partita che al primo di marzo è vera la posso giocare al 13 maggio quando ci sono meno partite vere, non dico non regolare, ma se io non ho più un obiettivo e due gare della fine è un altro tipo di partita. Mi affido a quello che ha detto il presidente che presidente e amministratore delegato hanno detto che si metteranno in moto ma obiettivamente, a livello di statuto e di legge, la Lega non può più nulla perché una volta che ufficializza una data, se le squadre che hanno rinviato non vogliono anticipare, si gioca il 13 maggio. Questo mi sembra un pochino assurdo. Io ho fatto una lotta anche con le persone normali dicendo che il calcio è bello. Credo che un campionato così bello nella lotta scudetto e nella lotta salvezza non capitava da tanto. Andare a prendere una decisione non lineare per tutte le 20 squadre non è stata una scelta giusta».

Condividi