Luis Alberto: «Salute prima di tutto, ma molte persone rischiano il lavoro»

© foto www.imagephotoagency.it

Luis Alberto, centrocampista della Lazio, ha parlato dell’argomento ripresa in ottica saluta e lavoro per tutti gli effettivi

Luis Alberto, centrocampista della Lazio, ha rilasciato un’intervista a Canal Sur Radio parlando della situazione legata alla ripresa del campionato di Serie A.

SITUAZIONE – «Ogni giorno viene detta una cosa nuova. Ora sembra che cominceremo una settimana dopo rispetto alla Spagna. Per il momento continuiamo con gli allenamenti individuali e le distanze, il 28 maggio vedremo. Quando torneremo, non saremo allo stesso livello di quando abbiamo interrotto o rispetto all’inizio di una stagione, quando è stata fatta una preparazione “normale”. Abbiamo lavorato più forza e fisico, abbiamo giocato poco con la palla. Siamo stati più di due mesi senza una partita, senza fare possesso».

LAVORO – «La salute viene prima di tutto, ma il calcio crea molti posti di lavoro. Ho letto qualche giorno fa che sono circa 180.000 le persone che lavorano nel calcio . Se non si giocherà, molte persone rimarranno senza lavoro».

Condividi