Marani: «Faccio fatica a comprendere i motivi della UEFA sulle coppe»

© foto www.imagephotoagency.it

Marani: «Faccio fatica a comprendere i motivi della UEFA sulle coppe». Il giornalista di Sky non è d’accordo sul posticipo

Matteo Marani, giornalista Sky, ha parlato delle decisioni prese dalla UEFA per quanto riguarda la mancata sospensione di Champions League ed Europa League.

COPPE – «Non so dare una risposta, faccio fatica a comprendere i motivi che portano a posticipare una decisione già tardiva. Bisogna chiudere, mettere in sicurezza le persone. Stasera due partite si giocheranno con tifosi in viaggio. Io credo che siamo di fronte a un quadro difficile da comprendere e giustificare, vedo che il calcio è in una grandissima difficoltà. Il calcio italiano è stato obbligato a chiudere dopo aver provato in maniera comica e ridicola a mandare avanti tutto. C’era qualche presidente che pensava che lunedì, alla fine dei decreti regionali, sarebbe stato tutto normale. Siamo di fronte a una UEFA ottusa che non vede un Europa che si sta chiudendo sempre di più».

SERIE A – «Secondo me non è serio nemmeno annunciare uno scenario, ora bisogna affrontare seriamente un’emergenza, poi si deciderà. Io penso che la UEFA avrebbe dovuto dire “l’Europeo è rinviato”, non come ha fatto Ceferin che pensa di poterlo giocare. Il 26 marzo si giocano gli spareggi, mi chiedo come possiamo pensare che i giocatori siano pronti e che a giugno si possa giocare questo Europeo. È inconcepibile che qualcuno anche solo lo pensi. Nei momenti di normalità il calcio è bellissimo e accomuna tutti noi, ma non in momenti come questo. Spero che martedì si chiuda tutto».