Juve, dopo la sosta inizierà a mancarti Claudio Marchisio

© foto www.imagephotoagency.it

La partenza di Claudio Marchisio, già lancinante per i tifosi, molto presto potrebbe risultare indigesta anche ad Allegri. Ecco perché

Soffrire come matti per l’addio di Claudio Marchisio: fatto. Tutti i tifosi della Juventus sono stati costretti a spuntare quella casella che, per molti di loro, era nella liste delle “10 cose peggiori da fare nella vita”. Discorso diverso, invece, per Massimiliano Allegri che ha dato il suo benestare all’uscita del Principino senza sbattere ciglio, o quasi. Scelta giusta o sbagliata? Dare una risposta secca sarebbe troppo semplicistico e sbrigativo. Non lo è, invece, suonare un mini campanello d’allarme in vista del periodo immediatamente successivo alle sosta per le Nazionali. In mediana, la coperta, inizia già a sfilacciarsi.

La Juve dopo la sosta: centrocampo incerottato

Quadro generale della situazione: Khedira ancora out per un reiterato problema al flessore, i suoi tempi di recupero non si conoscono ancora con precisione. Matuidi, uscito dolorante nell’ultimo match con l’Udinese, è stato convocato dalla Francia dove, con ogni probabilità, troverà minutaggio importante. Stesso dicasi per Pjanic, Bentancur ed Emre Can, quest’ultimo chiamato all’ultimo secondo dalla Nazionale tedesca. Almeno due degli ultimi quattro saranno in campo tra poco più di una settimana col Genoa. Ma a preoccupare non è tanto l’impegno col Grifone quanto più il ciclo di 6 partite in 23 giorni che attende la Vecchia Signora. Un Claudio Marchisio in più, tra l’altro privo dall’incombenza Nazionale, avrebbe fatto sicuramente molto comodo.

Pogba e Rabiot: quando Allegri non smentisce

Ed allora ecco che si potrebbe presentare la necessità di correre ai ripari. Ieri, su precisa domanda, Max Allegri non ha avuto il cuore di smentire l’interessamento bianconero per Adrien Rabiot e Paul Pogba. Difficile che si possa pensare di raggiungere obiettivi di tale portata già nella sessione di gennaio, ma è lecito palesare un interesse dettato dalla necessità di rinforzare un reparto a cui, probabilmente, manca una pedina. Siamo lontani anni luce da una situazione di reale emergenza, ma in casa Juve potrebbe presto suonare il primo campanello d’allarme stagionale. E chissà se Claudio Marchisio, dalla Russia, ne udirà il tintinnio.

Articolo precedente
juventus womenRisultati e classifica Primavera femminile girone A 2018/19: Women pronte a partire
Prossimo articolo
Rassegna Bianconera di venerdì 12 ottobre 2018