Maria Alves: «Voglio fare la storia della Juventus, Douglas Costa un idolo»

maria alves
© foto www.imagephotoagency.it

Maria Alves: «Voglio fare la storia della Juventus, Douglas Costa un idolo». Le parole dell’esterno offensivo brasiliano

Maria Alves, attaccante brasiliana della Juventus Women di Rita Guarino, si è raccontata sul canale YouTube MFM – Esporte Interativo.

ALBORI – «Il mio inizio è stato molto difficile perché sono nata in una piccola città del Piauí. Ho iniziato a giocare contro ragazzi maschi e in generale ero rispettata, ma c’erano anche dei pregiudizi. Questo mi rendeva triste, ma poi lasciavo perdere e andavo avanti. A causa della difficoltà economiche, abbiamo sempre improvvisato perché i brasiliani sono così. Quindi utilizzavo i calzini di mio padre per creare una palla e funzionava. Mi emoziono perché è stato un momento molto difficile della mia vita. Quello che le direi alla Maria Bambina è: congratulazioni per non aver mai mollato.».

AMBIENTAMENTO ALLA JUVE – «Ho ricevuto la chiamata dal mia agente che mi chiedeva se ero preparata a fare la storia. Ho detto di sì, certo! Poi mi ha raccontato dell’interesse della Juventus e che loro mi volevano in quel momento. Ho pensato “Ma come?!”! Sono stata super felice!»

DOUGLAS COSTA – «È un idolo mio perché gioca in modo molto simile al mio e lui è una fonte d’ispirazione. Abbiamo caratteristiche simili e mi piace come giocatore»

CALCIO FEMMINILE IN ITALIA – «Per quanto riguarda le strutture, è molto diverso. Materiale, campo, allenamenti. In Brasile, non abbiamo situazioni ideali e questo influenza le nostre prestazioni. Qui, non ho questa difficoltà. Ci rendono più facili le cose facendoci fare solo quello che ci spetta».

CALCIO FEMMINILE IN BRASILE – «C’è sicuramente un po’ di pregiudizio. Ma in Brasile, la gente vede il calcio femminile come qualcosa che non dà reddito. Per questo, vi preghiamo di supportarci. Abbiamo bisogno di visibilità perché sappiamo che è molto diverso dal calcio maschile. Quando avremo supporto e le persone vedranno il calcio femminile come qualcosa che con il supporto può avere successo, le cose potranno cambiare e forse anche la nazionale brasiliana potrà crescere».

OBIETTIVI – «Vincere più titoli per la Juventus. Voglio fare la storia qui. Sogno anche le Olimpiadi con la nazionale brasiliana, qualcosa che ogni giocatore sogna. Il primo passo è lavorare duro e fare del mio meglio nella Juventus perché essere nella nazionale è una conseguenza del mio lavoro qui».