Milan-Juve si gioca, bianconeri a San Siro come da protocollo

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Milan-Juve si gioca, bianconeri a San Siro come da protocollo, nonostante le due positività di Alex Sandro e Cuadrado al Coronavirus

(inviato alla Continassa)Milan-Juve si giocherà. Nessun dubbio sul regolare svolgimento del big match della 16ª giornata di Serie A, minato ieri da alcuni rischi in seguito alla positività al Coronavirus di Juan Cuadrado, la seconda nel giro di due giorni dopo quella di Alex Sandro. Gli esiti dei tamponi ai quali è stato sottoposto il gruppo squadra non ha rivelato nuove positività, con la Juventus partita per la trasferta di Milano questa mattina intorno alle ore 11.05 dalla Continassa.

L’Asl di Torino, come dichiarato al Corriere.it dal direttore del Dipartimento di Prevenzione, Roberto Testi, sarebbe intervenuta nel caso in cui «sarebbero emersi nuovi positivi e se ci fosse stata l’evidenza di un focolaio non controllato all’interno della squadra». Così non è stato e questa gestione si distacca completamente da quanto accaduto lo scorso 3 ottobre alla vigilia di Juve-Napoli. In quel caso, infatti, l’Asl Napoli 1 bloccò la trasferta con due calciatori azzurri positivi (Zielinski ed Elmas), stesso numero di quelli emersi tra i bianconeri.

La squadra di Andrea Pirlo si presenta a San Siro con qualche defezione: oltre ai già citati Cuadrado e Alex Sandro, il tecnico dovrà rinunciare ad Alvaro Morata, sempre ai box per il risentimento muscolare alla coscia destra che lo ha tenuto out anche contro l’Udinese. Presente, invece, Paulo Dybala: alla vigilia del match, Pirlo ha dichiarato come la Joya avesse avvertito «qualche linea di febbre» nei giorni scorsi, ma l’argentino figura regolarmente in lista. Seconda convocazione consecutiva per Nicolò Fagioli, che si aggiunge alla prima squadra insieme agli altri Under 23 Di Pardo e Dragusin, con Da Graca che sale ancora dalla Primavera.

LEGGI ANCHE: Probabili formazioni Milan-Juve: le ultime sulle possibili scelte di Pirlo

Condividi