Lo dice papà: «Sergej alla Juve per vincere la Champions»

© foto www.imagephotoagency.it

Nikola Milinkovic-Savic consiglia al figlio di sposare la causa bianconera. Le dichiarazioni del papà di Sergej in ottica Juve

L’ha detto chiaro e tondo papà Nikola: Sergej Milinkovic-Savic farebbe bene ad andare alla Juventus. Intervistato da Tuttosport, l’ex calciatore professionista avvicina il figlio ai bianconeri. Ecco alcuni passaggi dell’intervista.

JUVE PERFETTA – «La Juve sarebbe la squadra ideale, perfetta per lui. A Torino in una società così organizzata e vincente avrebbe la possibilità di crescere ancora per raggiungere la piena maturità. Ormai conosce bene il campionato italiano e insieme a gente del calibro di Dybala, Douglas Costa e compagnia potrebbe vincere lo scudetto, la Coppa Italia e dare un contributo importante per trionfare in Champions League. Se dovesse conquistare la coppa più prestigiosa, potrebbe puntare anche al Pallone d’Oro. Solo se giochi in un grande club puoi candidarti a vincerlo».

RICHIESTA LAZIO – «Le compravendita oggi vanno così, basti pensare a quanto ha speso il PSG per il teenager Mbappé. Piuttosto non saprei quali sono in questa fase i rapporti tra Lazio e Juventus dopo ciò che è successo la scorsa estate con Keita. Posso garantire in ogni caso che Sergej ha i piedi bien piantati a terra, nonostante ogni giorno in Europa tutti i media parlino di lui associandolo a certe cifre per il cartellino».

CASA BLANCA – «Si, è vero, è un tifoso dichiarato del Real Madrid, però in Spagna potrebbe andare dopo i 25 anni quando avrà completato la sua maturazione calcistica in Italia. Proprio come fece Zidane».

TORINO CAPITALE – «E’ una città più tranquilla e vivibile rispetto a Roma, ci vive l’altro mio figlio Vanja (portiere del Torino) e Sergej ha promesso di fargli gol e di prenderlo in giro per una settimana appena si troveranno di fronte».

Articolo precedente
pjanicBarcellona, ossessione Pjanic: per il Camp Nou è l’erede di Iniesta
Prossimo articolo
Sergio Ramos, il retroscena: veto sull’arrivo di Conte al Real