Moggi a RBN: «Tirare in ballo gli arbitri? Tipico di chi perde. Nedved educato»

moggi
© foto www.imagephotoagency.it

Moggi a RBN: «Tirare in ballo gli arbitri? Tipico di chi perde. Nedved educato». Così l’ex dirigente bianconero sul post Juve-Fiorentina

Luciano Moggi ha commentato il post Juve-Fiorentina ai microfoni di RBN.

POLEMICHE – «Abbiamo mantenuto inalterata la distanza con l’Inter, avere tre punti di vantaggio va bene. Ho sentito le polemiche da parte del presidente della Fiorentina e la risposta di Nedved, addirittura mi hanno mandato su Whatsapp una mia foto con i capelli di Pavel… La Juventus quando vince dà fastidio, siccome vince dà una vita è una vita che dà fastidio. Le dichiarazioni di Commisso io le ritengo dichiarazioni di uno che ha a cuore le sorti della sua squadra che sicuramente non meritava di perdere 3-0, nel primo tempo ha giocato alla pari, ma nel risultato non c’è niente da eccepire. Il secondo rigore forse poteva essere generoso, ma la vittoria non si può discutere. È arrivata meritatamente anche se la Juve non ha sfavillato. Anche Cristiano Ronaldo che ha segnato due gol non era nella sua serata migliore. La Juve dà fastidio, il fatto che si mettano sempre in mezzo gli arbitri è tipico di chi perde».

NEDVED – «Ha replicato in maniera educata, non ha offeso nessuno anche se Commisso era entrato a gamba tesa. Il presidente viola era arrabbiato per altri episodi, ma ieri non era la serata giusta per far traboccare il vaso. Poi c’è il VAR. Non c’è dubbio sul fatto che la Juventus abbia meritato i tre punti, poi può anche essere vero il fatto che la Fiorentina non meritasse un ko così netto».