Mondiale 2006, Gaudino: «In Germania ci sentivamo come a casa»

© foto www.imagephotoagency.it

Mondiale 2006: Claudio Gaudino, ex preparatore atletico della Juve e dell’Italia, ha parlato così di quell’esperienza a Juventus News 24

Claudio Gaudino, ex preparatore atletico della Juve, era nello staff dell’Italia di Marcello Lippi durante il Mondiale 2006. Questi i suoi ricordi legati a quella magnifica esperienza. LEGGI L’INTERVISTA ESCLUSIVA INTEGRALE

«Era di nuovo un altro grande gruppo. Lippi ha svolto un lavoro eccezionale, anche dal punto di vista motivazionale e di convincimento, e tutti tiravano dalla stessa parte con grande umiltà e determinazione. Quello sicuramente ha aiutato. Per vincere, però, serve anche che tanti fattori aiutino in senso positivo. È stata una bellissima esperienza, proprio per questa determinazione che si trasmetteva e si respirava nell’ambiente».

Se le cito qualche aneddoto svelato in questi anni, cosa le viene mente…

  • Le telecamere e i fotografi a ‘spiarvi’ prima di Italia-Germania

«Me lo ricordo bene… Sono successe tante cose. Io non ero attentissimo come loro a tutti questi risvolti ma ricordo bene tutto. Mi vengono in mente anche tutti gli allenamenti, gli italiani là in Germania che ci seguivano fin dal nostro arrivo. Ci facevano sentire come a casa nostra. Non parliamo poi quando sono iniziati ad arrivare i successi, soprattutto quello contro la Germania».

  • Il tuffo di Lippi nel laghetto dopo la vittoria con la Germania

«Quel bagno l’ha fatto solo Marcello, io no (ride ndr). Aveva architettato davvero uno scherzo molto bello. Ho tanti ricordi positivi e indimenticabili della mia carriera, ma anche qualcuno meno bello».