Munafò a RBN: «I motivi del passaggio della Juve tra FTSE Mib a Mid Cap»

© foto www.imagephotoagency.it

Munafò a RBN: «Perché la Juve è passata da FTSE Mib a Mid Cap». Un noto trader sul passaggio in Borsa dei bianconeri

Ludovico Munafò, trader indipendente, ha spiegato ai microfoni di Radio Bianconera durante Terzo Tempo del passaggio in Borsa della Juve da FTSE Mib a Mid Cap.

MOTIVI«È successo che la Juventus, che era quotata nel FTSE Mib, purtroppo essendoci delle revisioni periodiche nei listini ha avuto la sfortuna – legata a molti fattori, principalmente il Coronavirus – ha avuto una capitalizzazione inferiore a quella di Banca Mediolanum e quindi è stata ‘retrocessa’ nel Mid Cap assieme ad altre 60 aziende con una capitalizzazione inferiore. La Juventus, dal 21 febbraio, ha perso più di 320 milioni di euro di capitalizzazione. Tutte le altre squadre di Serie A sono da sempre quotate nel secondo gruppo, la Juventus era l’unica nel FTSE Mib. Se la Juventus dovesse tornare a capitalizzare quanto aveva fatto 5-6 mesi fa potrebbe tranquillamente tornarci. Purtroppo quello del Coronavirus è il problema principale, poi c’è stata la sconfitta con il Lione, mentre la terza motivazione è la possibile non vittoria dello Scudetto. Poi c’è anche il bilancio in cui è stata registrata una perdita di 50 milioni di euro. Il titolo della Juventus negli ultimi tre mesi ha perso parecchio, purtroppo questa è un’emergenza planetaria, finché non si riuscirà ad avere una speranza di una cura l’economia continuerà a soffrire e questo si rispecchia anche sul mercato borsistico».

SOSPENSIONE SERIE A – «Sarebbe particolarmente problematico. Se la Juventus dovesse rimborsare tutti i suoi abbonati per le partite restanti si parlerebbe di circa 1,8 milioni di euro a partita. Le porte chiuse contro il Lione toglieranno già 4 milioni di euro, quindi si fa presto a capire che il problema sarebbe molto pesante. L’unica buona notizia è che lo Scudetto non andrebbe assegnato, quindi non andrebbero assegnati neanche i premi ai calciatori. Adesso tutto dipende dai risultati».