Pagelle Atalanta-Juve Primavera: Da Graca entra e segna, Tongya vivace VOTI

tongya-juve-primavera
© foto www.imagephotoagency.it

I voti ed i giudizi ai protagonisti del primo match di campionato tra i bianconeri e la Dea: pagelle Atalanta-Juve Primavera

Le pagelle dei protagonisti del match di campionato tra la Juve e l’Atalanta Primavera. LA CRONACA DEL MATCH


VOTI

Garofani 6 – Beffato da una deviazione sul gol, trasmette sicurezza ai compagni di reparto.

Leo 6 – Grande corsa e spinta sulla destra. La deviazione sul tiro di Carrà che ha fulminato Garofani ha ‘macchiato’ la sua partita. (dall’87’ Mulazzi sv).

De Winter 7 – Supera a pieni voti l’esame da difensore centrale, non facendosi superare nei duelli uno contro uno.

Riccio 7 – Granitico. Fa sentire la sua leadership in difesa, concedendo pochi spazi di manovra agli attaccanti nerazzurri.

Ntenda 6 – Partita ordinata, senza sbavature, anche se è mancato un po’ il suo apporto in zona offensiva.

Pisapia 6.5 – Ringhia sui portatori di palla avversari, fungendo da filtro a riparo della linea difensiva bianconera (dall’83’ Omic sv).

Miretti 7 –  Centrocampista totale. In cabina di regia smista tanti palloni, diventando il fulcro della manovra della Juventus.

Sekulov 6.5 – Gioca a tutto campo, vestendo i panni del rifinitore in avanti e dando equilibrio al centrocampo in fase di non possesso.

Tongya 7.5 – È la stagione della sua consacrazione. Quando ha il pallone tra i piedi dimostra di essere fuori categoria.

Turicchia 6 – Adattato più avanti sulla fascia rispetto alla sua posizione naturale di terzino, offre buoni spunti in avanti con la sua tecnica (dal 77′ Da Graca 7 – Riacciuffa il risultato con un gol da attaccante puro).

Petrelli 7 – È tornato a grandi livelli l’attaccante. Aiuta la squadra ripiegando molto a centrocampo, diventando regista aggiunto con le sue aperture di campo (dall’83’ Bonetti sv).

All. Bonatti 7 – Una Juventus in grado di dominare l’intera partita, venendo punita ingiustamente dal gol di Carrà. Da Graca ha evitato la beffa, con un pareggio che lascia buone risposte all’allenatore.

Condividi