Papà Chiesa: «Ho un grande augurio da fare. Carriera? Ho un solo rimpianto»

Iscriviti
© foto Twitter Match Of The Day

Le dichiarazioni di Enrico Chiesa, papà di Federico, calciatore della Juventus, in vista dei suoi primi 50 anni

Enrico Chiesa compirà 50 anni martedì prossimo e ha parlato a Italpress della sua carriera e non solo. Ecco le dichiarazioni dell’ex calciatore, papà di Federico, giocatore della Juventus.

L’AUGURIO – «Stiamo vivendo tutti un momento unico a causa di questa pandemia, viviamo ormai almeno da marzo una situazione veramente particolare e questo mi fa dire che i 50 anni siano un traguardo importante, speriamo di superarlo bene e poi vedremo. L’augurio più grande che posso fare è che si possa tornare tutti alla normalità perché è una situazione molto difficile per il Paese, il Covid è qualcosa di pericoloso».

RIMPIANTO – «L’unico dispiacere, se devo essere sincero, è stato l’infortunio subito a Firenze. Dopo cinque giornate di campionato ero capocannoniere, poi mi sono fatto male. Tutti poi sappiamo come sia andata a finire con la Fiorentina. Io credo che certe cose possano essere messe in preventivo, ma l’infortunio toglie tutto il resto perché ero al culmine della mia carriera a 30 anni, c’era all’orizzonte il Mondiale in Corea e Giappone e a Firenze stavo meravigliosamente bene. Per il resto sono contento di quello che ho fatto, ho giocato nelle squadre più forti, con l’obiettivo di vincere lo scudetto, ma anche per la salvezza a Siena, e non mi posso lamentare. Sono stato allenato da grandi allenatori, mi sarebbe piaciuto essere allenato da Lippi, Capello e Gigi Simoni».

LEGGI L’INTERVISTA INTEGRALE A CHIESA A CALCIONEWS24.COM

Condividi