Paratici punge: «Nessuno vuole lo scudetto? Lo prendiamo noi»

© foto www.imagephotoagency.it

Fabio Paratici, direttore dell’area tecnica della Juventus, ha parlato nel prepartita del match della Dacia Arena tra bianconeri e Udinese

Fabio Paratici, direttore dell’area tecnica della Juventus, ha parlato ai microfoni di Sky nel prepartita del match della Dacia Arena tra bianconeri e Udinese.

LAVORO MEZZALE – «La squadra ha cambiato diversi sistemi di gioco. Nel 4-3-1-2 le mezzale avevano poco spazio per inserirsi. Quando siamo passati a un altro sistema di gioco, le mezzali si sono riviste in area ed hanno fatto gol o sono andate vicine al gol».

DOUGLAS COSTA – «È un giocatore straordinario. Uno dei più forti e decisivi a livello mondiale. Ha sprazzi, ha continuità. Sarri l’ha gestio bene perché ha avuto qualche prooblema fisico. Quello del post lockdown è un calcio diverso. Questa gestione ci dà l’opportunità di averlo sempre in buona condizione».

SCUDETTO E POI MERCATO – «Dobbiamo giocare stasera. Siamo concentrati sull’Udinese e poi quella di domenica. Il primo obiettivo è cercare di portare a casa il campionato. Poi ci siederemo con l’allenatore e e proveremo, come ogni anno, a rinforzare questa squadra».

9 SCUDETTI DI FILA – «Sono risultati straordinari. Gli sportivi sanno quanta fatica si fa a vincere, rivincere, ririvincere. È qualcosa di straordinario che capiremo veramente soltanto tra dieci, venti anni».

CRITICHE – «Siamo abituati, siamo la Juventus. Abbiamo questa responsabilità e questa pressione che è piacevole. Quando si fanno i consuntivi delle stagioni tutti i club dicono di aver raggiunto il loro obiettivo ma nessuno dice che il loro obiettivo era lo Scudetto. Se nessuno lo vuole vincere, lo prenderlo noi volentieri».

POCHI SORRISI – «Quando ci sono determinate partite hai sempre un po’ di giusta tensione che ti porta ad essere decisivo».

Condividi