Pizzul: «La Juve non voleva perdere il vantaggio del pubblico. Da lì è iniziato tutto»

bruno pizzul
© foto www.imagephotoagency.it

Bruno Pizzul, storico commentatore della RAI, ha rilasciato alcune dichiarazioni in vista della sfida Juve Inter

In un’intervista rilasciata a Libero, Bruno Pizzul ha presentato il derby d’Italia Juve Inter, in programma domani sera all’Allianz Stadium. Di seguito riportate le dichiarazioni dello storico commentatore della RAI.

SITUAZIONE – «La Lega di Serie A ha fatto scelte discutibili, soprattutto in termini di tempestività. Se avessero trattato tutte le squadre allo stesso modo non si sarebbe creata questa frattura nel calendario. La situazione va ricomponendosi, ma non ci sono buchi per la Coppa Italia. Tutta la comunicazione del problema è stata carente anche a livello istituzionale: balliamo ancora tra il panico e chi parla di una banale influenza».

JUVE – «Non voleva perdere il vantaggio del pubblico di casa e da lì è cominciato tutto. E la scusa dell’immagine estera del nostro calcio mi sembra fragile. Poi la reazione dell’Inter è stata smodata, anche nei toni. Bisognerebbe evitare certe uscite per questioni di normale educazione. Ha ragione Jurgen Klopp: dovremmo stare tutti un po’ più zitti».

JUVE INTER – «Non faccio pronostici, dico che per l’Inter è una sorta di ultima spiaggia in chiave scudetto. Alla fine potrebbe approfittarne proprio la Lazio. Ecco, dico questo: se si vuole vendere meglio la Serie A all’estero non contano chiuse o aperte, ma bisogna trasmettere più partite dei biancocelesti e dell’Atalanta. Sono le uniche che divertono».